martedì , 25 luglio 2017
Le news di Asterischi

Wislawa Szymborska, anche la semplicità muore.

Il due luglio 2010 la nostra nota diceva: Definita «poetessa praticamente sconosciuta, quasi ignota alla cultura mondiale» al conseguimento del premio Nobel nel 1996, la Szymborska è in realtà una delle poche figure del panorama letterario contemporaneo che riescono a porsi e a porre domande sull’esistenza del singolo e del “noi”, con una delicatezza e semplicità disarmanti.  Bisognerebbe approfittare in questo tempo di chi cammina ancora sul nostro stesso suolo…

Celebravamo il compleanno della Signora del verso libero, della Signora del verso semplice, che anche dopo il premio non ha goduto del successo meritato, e che anche dopo la morte siede in fondo ai titoli delle maggiori testate giornalistiche. Ma tuttavia è proprio vero che certi gioielli non sono per tutti e lei stessa non smaniava per fare notizia né per parlare in pubblico, tanto che oggi, a testimonianza di non averne capito granché, l’unica cosa che viene in mente a tutti di fare è citare il suo discorso per il Nobel dell’ormai lontano 1996. Ma perché perdersi tanto in chiacchere, con lei e per lei che non le amava?

«Chiedo scusa al tutto se non posso essere ovunque.
Chiedo scusa a tutti se non so essere ognuno
e ognuna.
So che finché vivo niente mi giustifica,
perché io stessa mi sono d’ostacolo.
Non avermene, lingua, se prendo in prestito
parole patetiche,
e poi fatico per farle sembrare leggere».

Da Sotto una piccola stella, Ogni caso

Chiediamo scusa noi tutti se oggi parliamo troppo di Te.

 

(as)

Informazioni su Agata Sapienza

Agata Sapienza
Dopo studi e peregrinazioni varie non ha ancora capito dove vive, ma legge e traduce sempre e solo dal suo divano.

Un commento

  1. Giulia Madonna

    La semplicità che sbaraglia e ti scava dentro, l’umiltà di essere grandi senza sgomitare e l’immensità estrema delle sue parole. Cosa dire? Io non la conoscevo e solo da ieri l’ho scoperta e mi rammarico per la mia imperdonabile ignoranza. Certo è che ora i suoi versi li cercherò, li leggerò e li lascerò scivolare dentro di me a illuminarmi l’anima. Giulia

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com