domenica , 17 novembre 2019
Le news di Asterischi

Archivio per il tag: letteratura

Buon Compleanno Herta Müller (17/08/1953)

Herta-Mueller_h_partb

« Nella vita c’è un tempo delle poesie per tutti » Herta Müller   « Sono convocata. Giovedì alle dieci in punto. Vengo convocata sempre più spesso: martedì alle dieci in punto, sabato alle dieci in punto, mercoledì o lunedì. Come se gli anni fossero una settimana, mi stupisco che dopo la tarda estate già ritorni l’inverno. […]Da quando vengo ... Continua a leggere »

Buon Compleanno Amélie Nothomb (13/08/1967)

2[1]

  «Lo sguardo è una scelta. Chi guarda decide di soffermarsi su una determinata cosa e di escludere dunque dall’attenzione il resto del proprio campo visivo. In questo senso lo sguardo, che è l’essenza della vita, è prima di tutto un rifiuto. Vivere vuol dire rifiutare, chi accetta ogni cosa non è più vivo dell’orifizio di un lavandino. Per vivere ... Continua a leggere »

La Versione di Asterischi – Libri e cazzotti di Tullio Pironti

4_g.20091209221925

  Ci sono libri che sono contenitori. Quelli di Tullio Pironti Editore contengono da sempre storie e mondi reali e inventati. La prima tappa del nostro breve viaggio all’interno del catalogo della nota casa editrice napoletana riguarda proprio il libro contenitore per eccellenza; il suo libro. Pubblicato nel 2005 con un’affettuosa prefazione di Fernanda Pivano, Libri e cazzotti è la ... Continua a leggere »

La Bouillabaisse di Giorgio Faletti

E23_W32_Boulibaisse[1]

«Ecco qui, Bouillabaisse. Piatto unico ma in quantità industriale. Frank, se non ne prendi almeno due volte la riterrò un’offesa personale… ». «Davanti alla zuppa di pesce della signora Hulot, i panini che avevamo mangiato sembravano un ricordo lontano». Cuoco: Giorgio Faletti Ricettario: Io uccido, Dalai ed. SPA 2011 Ingredienti per 4 persone: 2 kg di pesce misto (si può ... Continua a leggere »

La Versione di Asterischi – Nella zona proibita di Eduardo Ramos-Izquierdo

4760265_orig

            Scrivere sul doppio è una sfida che sorprende sempre, se non altro per l’inevitabile confronto con una tradizione letteraria e cinematografica ormai cristallizzata da tempo. «L’uomo non è autenticamente uno, ma autenticamente due», faceva dire Stevenson al suo Dr. Jeckill, «e alla fine sarà riconosciuto come una mera aggregazione di soggetti multiformi, incongrui e indipendenti fra di loro». Doppio ... Continua a leggere »

shared on wplocker.com