giovedì , 27 giugno 2019
Le news di Asterischi

Archivio per il tag: fantascienza

Viaggio nella Luna, qualche anno dopo

voyage-sur-la-lune-melies

Si dice in giro che il 1° Settembre del 1902 veniva proiettato il primo film di fantascienza della storia, e noi ci vogliamo credere. Si tratta di Viaggio nella luna (Voyage dans la Lune) del regista, attore e illusionista francese Georges Méliès, che diventa il padre del cinema fantascientifico, nonché delle prime tecniche cinematografiche, come il montaggio e l’uso degli ... Continua a leggere »

Copertine che fanno paura

la-peste-scarlatta2-large1

Invecchiando si impara a giudicare dalla copertina. La nuova rubrica di Asterischi, infatti, lascerà parlare proprio loro, aggiungendo pochissimo di nostro. Oggi abbiamo una rassegna di copertine dalla fine del mondo. Leggete anche il resto se avete coraggio.   La fantascienza e la fine del mondo stanno assieme come il cacio sui maccheroni. Per questa raccolta, che ha come titolo ... Continua a leggere »

Space Shuttle Columbia: la perdita d’innocenza dell’astronautica

fonte national

  fonte immagine nationalgeographic.it “L’astronautica ci ha fatto tornare tutti bambini”. Lo scriveva Ray Bradbury nelle Cronache marziane ed erano gli anni ’60. Peccato che lo spazio non sia fatto per giocare. In questo mese (5 giugno) ricorre l’anniversario di una delle ventotto missioni dello Space Shuttle (in dettaglio sarebbe il Quinto Spacelab, un laboratorio per lo studio della microgravità in orbita terrestre), che ... Continua a leggere »

Le nobili origini della fantascienza italiana

yambo

Anche l’Italia ha avuto la sua epoca d’oro del romanzo popolare su sfondo fantastico e avventuroso come tassello nella definizione della futura storia della fantascienza. Insomma, stiamo parlando di quei racconti un po’ strambi e surreali, che raccontano di viaggi e avventure con illustrazioni tra l’ammiccante e il sognante. Sembra un territorio da Salgari, ma l’autore veronese non è l’unico ... Continua a leggere »

Buon Compleanno Max Ernst (02/04/1891)

«Credo nel nulla. Credo in Max Ernst, Delvaux, Dalì, Tiziano, Goya, Leonardo, Vermeer, De Chirico, Magritte, Redon, Dürer, Tanguy, Facteur Cheval, torri di Watts, Böcklin, Francis Bacon e in tutti gli artisti invisibili rinchiusi nei manicomi del pianeta». James Ballard, Ciò in cui credo Prima pagina del catalogo della prima esposizione parigina (1921) Ubu Imperator (1923) La vestizione della sposa (1940) L’antipapa (1941-42) ... Continua a leggere »

shared on wplocker.com