venerdì , 22 settembre 2017
Le news di Asterischi

Madrid in apnea

235108011_08d8e0d12a_z

Ci sono città vere, città inventate, città vere reinventate e città del “come sarebbe se”. Così possiamo considerare la Madrid del quasi sconosciuto in Italia Rafael Reig, spagnolo del ’63 che con la scusa di raccontare le avventure del detective Carlos Clot, stravolge la capitale e la pone come vera protagonista. Nel romanzo Sangre a Borbotones (2002) vediamo le basi di quella che sarà la città ben formata di Guapa de cara (2003), ormai sotto il dominio degli Stati Uniti e praticamente immersa nell’acqua. Come sarebbe Madrid in mano agli americani, senza petrolio e lontana dalla minaccia comunista? La data dell’ invasione spacca in due la vita dei personaggi adulti e li fa vivere per sempre a metà tra il presente e il passato. La lingua spagnola è proibita, motivo per il quale il Carlos del primo romanzo diventa Charlie nel secondo. Se volete fare una visita nella città di Rafael Reig guardatevi dal cantare in spagnolo e imparate prima a navigare nel suo enorme canale Castellana e poi a stare completamente in apnea.

(as)

 

(Questo articolo è stato pubblicato nello speciale Asterischi #4 – Città di Trame)

Informazioni su Agata Sapienza

Agata Sapienza
Dopo studi e peregrinazioni varie non ha ancora capito dove vive, ma legge e traduce sempre e solo dal suo divano.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com