sabato , 29 aprile 2017
Le news di Asterischi

L’uomo dalle grandi tette

russ meyer

Russ Meyer è uno che non poteva mancare all’appello di questo speciale. I motivi sarebbero diversi ma è corretto cominciare dal più ovvio. Il titolo di questo numero (Erotica, ndr) lo abbiamo rubato al suo Erotica, documentario in sei episodi del 1961, che, assieme ad altre celebri opere come Lorna, Pussycat!, Vixen, Motorpsycho!, I sette minuti che contano, Carne cruda (e l’elenco potrebbe continuare ancora) l’ha fatto imperversare come un corsaro d’altri tempi sulla scena pornografica ed erotica americana tra gli anni sessanta e settanta. Amante ricambiato e in qualche modo precursore della beat generation, idolatrato da Tarantino, è stato un maestro assoluto del low budget e ha scorrazzato, senza tremore, in tutti i generi più bassi (horror, splatter, trash, porno, e via dicendo) divenendo un’icona libertaria e un maniacale esploratore dei vizi più sordidi degli americani. Una cappa da cucina che risucchia i piaceri più torbidi e tormentati dei suoi compatrioti, li denuda e li rende visioni in sala. Così, senza orpelli da cinema d’autore, il vecchio RM prende quel grande paese e lo fa a pezzi, tappezzandolo qua e là con lembi di lussuria. Per sua stessa ammissione, qualora non bastasse il suo cinema a dimostrarlo, amava le donne dalle tette grandi, quelle supermaggiorate che sono ancora oggi dei manifesti sinuosi del suo mito.

Informazioni su Rosario Battiato

sopravvive soltanto a temperature basse e in ambienti chiusi. Ha studiato Storia, ma ha la tendenza a fare il giornalista e a costruire un pastiche al giorno. Fondatore di Asterischi.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com