martedì , 23 maggio 2017
Le news di Asterischi

Le città invisibili: Londra Sotto

Nome: «Londra Sotto»

Geografo: Neil Gaiman

Esploratori: Richard Mayhew e Lady Porta

L’entrata: «Richard si mosse, cominciando a scendere la scaletta di metallo posta nel muro al di sotto del tombino, sentendosi in acque così profonde per le sue possibilità da avere bisogno di un batiscafo per potere rivedere la superficie. Richard si chiedevo dove fossero. Non sembrava una fogna. Forse era un tunnel per i cavi telefonici, o per treni di piccole dimensioni. O per … qualcosa. Si rese conto di non sapere molto riguardo a ciò che accadeva sotto i suoi piedi.»

Luogo di commercio: «Il Mercato Fluttuante. […] Si sposta. Zone diverse. L’ultimo a cui sono andata si teneva in quella grnde torre con le campane. Il Big … qualcosa.»

Tempo: «Abbassò lo sguardo sul suo orologio e vedere che i numeri digitali erano scomparsi lasciando uno spazio vuoto non lo sorprese affatto. Forse si erano esaurite le pile. Forse il tempo a Londra Sotto era solo un lontano parente del tempo a cui era abituato.»

Spazio: «[...] A quasi un centinaio di metri sotto le strade di Londra.»

Popolazione: «Ci sono centinaia di persone in quest’altra Londra. Forse migliaia. Persone che sono nate qui o persone che sono cadute nelle fenditure.»

Rapporto con Londra Sopra: «Earl’s court, La Corte del Conte, pensò Richard, Ma certo. Dopo di chè inizio a chiedersi se a Baron’s Court ci fosse un Barone e a Ravenscourt un Corvo Imperiale e…»

(lm)

Informazioni su Loris Magro

Loris Magro
Nasce il 3 Maggio 1990 ad Agrigento. Un po’ per un’insaziabile curiosità, un po’ per geni ereditari, legge fin da piccolo tutto quel che gli capita sotto agli occhi; una volta cresciuto, decide di dedicarsi a tempo pieno alla critica letteraria.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com