venerdì , 24 novembre 2017
Le news di Asterischi

L’assenzio di Raymond Queneau

assenzio_cucchiaio2

 

«PRIMO AVVENTORE (a Icaro).  Mio giovane amico, lei non bevve mai assenzio?
ICARO. Mmmai, signore. Non sapevo nemmeno che si chiamasse assenzio. [...] PRIMO AVVENTORE. [...] Mio giovane amico, voglio insegnarle a preparare un assenzio.
ICARO. Tante grazie, signore. »

Cuoco: Raymond Queneau

Ricettario: Icaro Involato, Einaudi, 1969

Descrizione:

PRIMO AVVENTORE: [...] Lo sa di che cosa si tratta?
ICARO: Nossignore.
PRIMO AVVENTORE: È colui che consola, ahimè, e che ci fa vivere, è lo scopo della vita, è la sola speranza che, come un elisire – e del resto ne è uno – ci dà forza e c’inebria e c’infonde il coraggio di reggere fino a sera.
SECONDO AVVENTORE: È anche un angelo che porta tra le sue dita magnetiche il sonno e il dono dei sogni estatici. [...] ICARO: Non oserò mai berne.

Ingredienti:

un bicchiere di assenzio

una zolletta di zucchero

acqua

Preparazione:

«Il cameriere porta un altro assenzio. Icaro tende la mano verso il bicchiere.

PRIMO AVVENTORE. Fermo disgraziato! (Icaro ritrae rapidamente la mano). Non si beve così, questo. Ora te lo insegno io.»

«Deponga il cucchiaio sul bicchiere nel quale già riposa l’assenzio, metta poi una zolletta di zucchero sul cucchiaio suddetto di cui avrà certo notato la forma singolare. Poi, lentissimamente, versi acqua sulla zolletta di zucchero, che comincia a sciogliersi e, goccia a goccia, una pioggia fecondatrice e saccarifera cade nell’elisire rendendolo brumoso. Mesca di nuovo acqua, che stilla, che stilla, e via di seguito finché lo zucchero non sia tutto disciolto, badando tuttavia che l’elisire non acquisti una consistenza troppo acquosa. Osservi, mio giovane amico, lo svolgersi dell’operazione… una ineffabile alchimia…»

Effetti:

ICARO. (dopo un terzo, un quarto, un quinto sorso; pensoso) Com’è lontano il latte della mia balia… come si moltiplicano gli astri…e la notte s’avvolge alle pallide nebulose…Già il cielo è azzurro, tace il mare di opale…come mi sento lontano…lontano da tutto…nei pressi della stella Assenzio…
PRIMO AVVENTORE. Già sbronzo.

Informazioni su Agata Sapienza

Agata Sapienza
Dopo studi e peregrinazioni varie non ha ancora capito dove vive, ma legge e traduce sempre e solo dal suo divano.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com