martedì , 26 settembre 2017
Le news di Asterischi

La Versione di Asterischi – Nella zona proibita di Eduardo Ramos-Izquierdo

4760265_orig

            Scrivere sul doppio è una sfida che sorprende sempre, se non altro per l’inevitabile confronto con una tradizione letteraria e cinematografica ormai cristallizzata da tempo. «L’uomo non è autenticamente uno, ma autenticamente due», faceva dire Stevenson al suo Dr. Jeckill, «e alla fine sarà riconosciuto come una mera aggregazione di soggetti multiformi, incongrui e indipendenti fra di loro». Doppio come identità congiunte, insomma, che aspettano il momento giusto per sopraffarsi; oppure doppio come pirandelliano Alter Ego rinchiuso nelle forme, discreto e silenzioso, che ci accompagna nel cammino esistenziale per poi emergere in momenti del tutto inaspettati.

Eduardo Ramos-Izquierdo ci propone il doppio come d?plus, come raddoppiarsi di una realtà. Nella zona proibita, tradotto da Giulia Pinchetti e pubblicato nel 2012 da Edizioni Arcoiris (nella collana Gli eccentrici, diretta da Loris Tassi), è molto più di un romanzo breve; la vicenda surreale di Molina, che si crede circondato da copie autentiche di se stesso, si cinge di contorni noir, con tanto di detective chiamato a risolvere il caso. Un caso che si rivelerà essere un’inquietante indagine sull’alter ego, ricca si suspence e di spunti di riflessione sull’identità, nonché di svolte impreviste. L’incessante ricerca di un doppio, o forse di molti doppi, delinea un percorso emozionale prima ancora che geografico. Città del Messico e Parigi, i due poli della storia, conservano ignare il segreto di queste esistenze speculari, che si rincorrono e si annientano drammaticamente in un ciclo che non sarà mai interrotto.

Il carattere paradossale della vicenda emerge da un’affascinante quotidianità urbana, che parte dai quartiers della Ville Lumière e, attraverso i più famosi boulevards parigini, dispensa gli unici elementi realistici di tutto il romanzo: il Mimi Pinson, che con la musica amplificata dagli altoparlanti offre «un tango smielato dopo l’altro»; o il bancone di Chez Paul, dove il detective Lino, solo dopo un doppio whisky, ritrova la calma per pensare alla prossima mossa. Angoli affascinanti di una cosmopoli interculturale che, al momento opportuno, diventa uno splendido non-luogo dove anche il romanticismo ha il suo spazio. Complice dell’investigatore, non a caso, vi è una misteriosa femme fatale, Agathe, che tinge di rosa questa vicenda commentata con ironia, acume e sapienza narrativa.

La zona proibita è l’inspiegato e inspiegabile dell’esistenza quotidiana; l’irrazionalità che delinea uno spazio inesplorato, la zona del confronto, della frantumazione dell’individualismo, dell’immaginazione condivisa. Un percorso di disillusione umana, in cui ci si arrende a non essere unici. Molina cerca lucidamente l’altro per ricostruire un fatale intreccio di relazioni esistenziali e seguire un percorso che, inconsciamente, sa di non poter deviare.

Questo è un romanzo che si presta poco alle “etichette”: il surreale e il poliziesco si fondono elegantemente in una sorta di giallo fantastico dalle venature extraterritoriali, che lascia tracce discrete, quasi segrete, nel lettore appassionato. Ramos-Izquierdo dirige i personaggi da un palcoscenico di sillogismi spesso deliranti, di salti logistici in luoghi dove i destini devono compiersi inevitabilmente per poter dare un senso a queste “doppiezze”.

Nonostante il peso del tema oscuro, a tratti metafisico, Nella zona proibita è un romanzo “leggero” e incalzante; un gioco di esistenze doppie e forse, per i più fantasiosi, di vite intercambiabili. Una zona di confine sorprendentemente intima e fantastica, «nella quale i nostri destini correrebbero il rischio di incrociarsi in una configurazione ossessiva e pericolosa».

 

Pochi clic per acquistare il libro. Buona lettura. E buona scissione.

Informazioni su Laura Coletta

Laura Coletta
Classe 1988, Caserta. Laureata in lingue e letterature straniere, si sta specializzando in traduzione letteraria. Vive di grandi passioni, caute aspettative e affetti autentici. Può bastare.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com