domenica , 25 giugno 2017
Le news di Asterischi

La Versione di Asterischi – Dindalè. Conti di poco conto di Armando Vertorano

dindale_vertorano_400-225x300

 

La scrittura è un esercizio, un allenamento. Enrique Vila Matas, nel suo Bartleby e compagnia, ci svela il nome di tutti quegli scrittori che, perdendo l’allenamento (o l’ispirazione) hanno smesso di produrre letteratura e hanno perso la loro stessa voce.

Nel suo catalogo non appare e non apparirà Armando Vertorano, e non perché ha alle spalle una sfilza di romanzi e continuerà riempirci di pagine, ma semplicemente perché non è uno scrittore.

E non è uno scrittore non perché canta canzoni discutibilmente divertenti nel suo gruppo I Triodeno, né perché, come recita la sua biografia «gli propongono un lavoro bizzarro: scrivere domande per quiz televisivi. Ridi e scherza, fa ancora quello.».

Armando Vertorano non è uno scrittore perché ha scritto Dindalè. E Dindalè è una raccolta di racconti fresca, autentica, sfiziosa, che non ti chiede niente. Un “chissenemporta” ironico e affettuoso rivolto alla letteratura e alla vita. Una raccolta che poteva nascere solo da un non-scrittore, da un giovane allenato alla scrittura che ha messo in ordine i suoi fogli sparsi sotto una copertina essenziale.

«Presto però sarebbe tornato da loro, anche da suo padre, e gli avrebbe fatto capire che senz’acqua si poteva restare sempre giovani, forse addirittura vivere per sempre. Era sicuro di riuscire a cavarsela da solo senza troppe difficoltà: doveva solo ripararsi dalla pioggia e non bere altro che Coca-Cola».

Dindalè è un bambino che si allontana dalla famiglia senza sperare di intenerire il lettore, è uno scrittore che se ne va sbattendo la porta, è un orgasmo colorato e profumato, è un colpo di tosse in concerto, è un navigatore che non porta da nessuna parte, è un politico che vuole essere sincero, è una raccolta di storie che raccolgono altre storie.

È la prova che lo scetticismo nei confronti di nuovi libri e nuovi nomi e nuove case editrici serve solo a sorprendersi e restare sospesi fra le parole e riuscire a leggere senza pensare a niente, ospiti nella mongolfiera di Dindalè.

Dindalè, una parola strana il cui significato lo troverete da soli leggendo questo delizioso libro, e che servirà da condimento a tutti i racconti che contiene, è stato pubblicato nel 2014 da GoWare edizioni ed è acquistabile in diversi store online presenti al seguente indirizzo: http://www.goware-apps.com/dindale-armando-vertorano/.

«Andò a letto alle 22 senza cenare. Le girava la testa. Guardò lo schermo del cellulare e contemplò il nuovo nome in rubrica: DARIO».

Conti di poco conto, il sottotitolo e l’essenza, ciò che li rende dei piccoli gioielli da libreria.

 

 

 

 

cost of generic zoloft at walmart100mg of zoloft for anxiety
generic ivermectin for dogsStromectol 3 mg tablets
prednisone purchase canada Prednisone natural alternative
order arimidex onlineAnastrozole generic cost

Informazioni su Agata Sapienza

Agata Sapienza
Dopo studi e peregrinazioni varie non ha ancora capito dove vive, ma legge e traduce sempre e solo dal suo divano.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com