lunedì , 23 ottobre 2017
Le news di Asterischi

La Bouillabaisse di Giorgio Faletti

E23_W32_Boulibaisse[1]

«Ecco qui, Bouillabaisse. Piatto unico ma in quantità industriale. Frank, se non ne prendi almeno due volte la riterrò un’offesa personale… ». «Davanti alla zuppa di pesce della signora Hulot, i panini che avevamo mangiato sembravano un ricordo lontano».

Cuoco: Giorgio Faletti

Ricettario: Io uccido, Dalai ed. SPA 2011

Ingredienti per 4 persone:

2 kg di pesce misto (si può scegliere tra: scorfano, triglia, gallinella, grongo; dentice, coda di rospo, cefalo, nasello, orata;  cozze, calamari, seppie, polpo e, nelle versioni più “ricche”, scampi, gamberi, vongole, aragosta)

3 spicchi di aglio
2 cipolle

2 litri di acqua

1 cucchiaino di zafferano

1 costa di sedano

2 foglie di alloro

Semi di finocchio

½ cucchiaino di timo

4 pomodori maturi

Prezzemolo

Sale, pepe

2 bicchieri di vino bianco

Olio extravergine d’oliva

Preparazione: Pulite e tagliate a cubetti il sedano e la carota. Mettete sul fuoco l’acqua salata e aggiungete la cipolla tagliata a metà, i semi di finocchio, 1 spicchio d’aglio, le erbe, la carota ed il sedano tagliati precedentemente. Unite le teste e le lische dei pesci e cuocete a fiamma bassa per 30 minuti. Filtrate il brodo ottenuto. In un‘altra casseruola scaldate l’olio, l’aglio e una cipolla tritati finemente, aggiungete le seppie, i calamari e il polpo tagliati a pezzi grandi e fateli rosolare per 10 minuti, quindi sfumate con vino bianco e unite i pomodori tagliati grossolanamente continuando la cottura per 20 minuti.  Unite il brodo di pesce preparato ed il resto dei pesci, prima i più grossi e poi i più piccoli. Fate cuocere per 40 minuti a fuoco basso, quindi aggiungete i crostacei, le vongole e le cozze; aggiustate di sale, pepate e fate restringere per altri 20 minuti.

Servite con fette di pane abbrustolito aromatizzando con prezzemolo tritato, zafferano e un pizzico di peperoncino.

L’aperitivo: «Il profumo nell’aria racconta storie di cibo francese. Che ne dici di un aperitivo francese? Io azzarderei addirittura un Pastis.»

Con cosa si accompagna: Con la salsa Rouille, a base di peperoncino, con 2 spicchi d’aglio, 1 tuorlo, 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro, olio di oliva, 1 patata, pangrattato.

Dove si mangia: In Francia, soprattutto in Provenza.

L’opinione: «Dicono che il cibo è la vera cultura dei popoli. Se è così, direi che la tua bouillibaisse sta declamando poesie immortali.»

Informazioni su Raimondo Rapisarda

Raimondo Rapisarda
Vive in Sicilia, dove è nato nel 1957. È laureato in Ingegneria civile presso l’Università di Catania. Tra i suoi interessi la cosmologia, la fisica delle particelle, gli oggetti del passato.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com