venerdì , 22 settembre 2017
Le news di Asterischi

Jean Cocteau, oppure dell’amore

cocteau_man_ray_1922

«“Un amore proibito”, dicono i moralisti
Pertanto dei nostri simili consulto la lista
su uno striscione di seta
leggo una sfilza di nomi».

 

Di Jean Maurice Eugène Clément Cocteau, poeta, romanziere, drammaturgo, designer, regista, sceneggiatore, attore, non racconteremo le sue storie, o un amore particolarmente turbolento, perché basta nominarlo per aprire il vortice dei suoi pensieri e dei suoi scritti, partoriti in una vita veramente rivoluzionaria che ha cambiato il modo di esprimersi con l’arte e che ha fatto dello scandalo un mezzo per abbattere i tabù insiti nella società. Potremmo cedere alla facile tentazione di volere altri Cocteau, in una specie di bisogno intellettuale e materiale. Ma è inutile; troviamo conforto nell’universale senso della sua parabola umana ricordando due versi che andrebbero incisi allo stesso tempo nel cuore dell’umanità e in quello dell’amore più intimo:

«Tutto ci separa e tutto ci unisce
e non ci lasciamo mai».

 

Agata Sapienza, Rosario Battiato

 

 

Consigli di lettura: Jean Cocteau, Oppio (clicca qui per acquistarlo)

Informazioni su Agata Sapienza

Agata Sapienza
Dopo studi e peregrinazioni varie non ha ancora capito dove vive, ma legge e traduce sempre e solo dal suo divano.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com