mercoledì , 23 agosto 2017
Le news di Asterischi

Indovina chi viene a cena ad Aprile

LETTERATURA

William Shakespeare

 «Vieni, o notte che rendi ciechi, vela il tenero occhio del giorno pietoso e con la tua sanguinosa, invisibile mano, distruggi e spezza il nodo che mi fa impallidire! La luce si addensa, e il corvo batte l’ala verso il bosco pieno dei suoi nidi; tutto ciò che nel giorno è buono cede alla stanchezza e si assopisce, mentre i foschi satelliti della notte muovono alle loro prede. »

Da Macbeth

MUSICA

 Francesco De Gregori

«Che è tutta una vita che passo da qua,
e ancora rischio di perdermi,
magari è questione di troppa sensibilità,
o sono soltanto motivi tecnici…

E tu dici una bussola, dovevi almeno portarla con te,
una bussola potevi almeno spiegarmelo come si usa
una bussola, scusa….»

Da La linea della vita

 

ARTE

Leonardo Da Vinci

 L’uomo vitruviano

 

Nadar

Il fratello di Nadar, Adrien

 

CINEMA

Marlon Brando

 

 Charlie Chaplin

 

FILOSOFIA

Thomas Hobbes

«La necessità di natura induce gli uomini a volere e desiderare il bonum sibi , ciò che è bene per loro stessi, e a evitare ciò che è nocivo, ma soprattutto quel terribile nemico di natura, la morte, dalla quale ci aspettiamo la perdita di ogni potere, e anche la maggiore delle sofferenze corporali al momento del trapasso.»

Da Elementi di legge naturale e politica

 

Immanuel Kant

«Il concetto che ogni essere ragionevole deve considerarsi autore, in virtù delle massime della sua volontà, di una legislazione universale affinché possa, da questo punto di vista, giudicare se stesso e le sue azioni, conduce a un concetto assai fecondo che si connette a questo, cioè al concetto di un regno dei fini. [...] La moralità consiste pertanto nel rapporto di ogni azione con quella legislazione che è la condizione del regno dei fini. Ma questa legislazione deve valere per ogni essere ragionevole e deve poter derivare dalla sua volontà, secondo questo principio: non compiere alcuna azione secondo una massima diversa da quella suscettibile di valere come legge universale, cioè tale che la volontà, in base alla massima, possa considerare contemporaneamente se stessa come universalmente legislatrice. »

 Da Fondazione dell metafisica dei costumi

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com