giovedì , 27 aprile 2017
Le news di Asterischi

In morte di Sergio Bonelli


Spesso ci si dimentica che dietro ogni singola pubblicazione reperibile in una libreria o in un’edicola, c’è la decisione di pubblicarla, di farla conoscere al pubblico; questa decisione spetta, in parte o del tutto, all’editore.

Non è un mestiere facile, quello dell’editore, bisogna sapere guardare in due direzioni diverse, da un lato l’aspetto economico, la necessità di guadagnare, dall’altro il lato qualitativo, le aspettative del pubblico. A volte emerge anche un terzo occhio, quello dei gusti dell’editore stesso, e riuscire a mettere d’accordo tre occhi non è per niente facile.

Io credo sinceramente che Sergio Bonelli avesse trovato un perfetto equlibrio tra queste tre visuali, riuscendo a garantire qualità, quantità, innovazione a chi comprava gli albi da lui editi. Quale catalogo può vantare di avere tra le sue creature cose diversissime tra loro come Dylan Dog, Martin Mystére, Tex Willer, Zagor, Nathan Never, Nick Raider, Julia e tantissimi altre serie?
Questi personaggi hanno ispirato serie tv e adattamenti cinematogrifici che, al di là della loro effettiva riuscita in termini di qualità, testimoniamo la bravura di Sergio Bonelli nel riconoscere il talento e il potenziale di un autore. Qualche anno fa riuscì persino a pubblicare, in una collana pensata e creata appositamente per ospitare personaggi e autori solitamente distanti dagli standard della casa editrice, uno degli ultimi lavori di Jacovitti e le ultime storie scritte da Bonvi per la matita di Giorgio Cavazzano. Nella stessa collana, in tempi recenti, è stato pubblicato Leo Pulp, fumetto che racconta le avventure del protagonista omonimo, improbabile eroe di tre gialli in stile hard-boiled creato da Claudio Nizzi e Massimo Bonfatti.

Bonelli era uomo pieno di curiosità e interessi, capace di andare oltre i propri schemi e di adattarsi alle situazioni. Non ci resta che ringraziarlo per averci regalato tanti bellissimi personaggi e una miriade di storie indimenticabili, sperando che, dopo tanti anni di dedizione al suo lavoro, possa riposare in pace.

(lm)

Informazioni su Loris Magro

Loris Magro
Nasce il 3 Maggio 1990 ad Agrigento. Un po’ per un’insaziabile curiosità, un po’ per geni ereditari, legge fin da piccolo tutto quel che gli capita sotto agli occhi; una volta cresciuto, decide di dedicarsi a tempo pieno alla critica letteraria.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com