martedì , 27 giugno 2017
Le news di Asterischi

I vermicelli fritti di Giovanni Verga

Spaghetti_fritti

Citazione«-Don Giammaria ha i vermicelli fritti per la cena stasera; osservò Piedipapera fiutando verso le finestre della parrocchia».

Cuoco: Giovanni Verga

Romanzo: I malavoglia, Oscar Mondadori, 1983.

Ingredienti: 450 gr. di pomodori pelati, 4 cucchiai abbondanti d’olio extra vergine d’oliva, 2 spicchi d’aglio, 500 gr. di vermicelli, sale.

Preparazione: In una padella mettere l’olio, l’aglio, il sale, il pomodoro e far cuocere per 10 minuti su fuoco medio mescolando un paio di volte e schiacciando la polpa con una forchetta, quindi spegnere il fuoco e togliere l’aglio. Nel frattempo in una pentola mettere l’acqua a bollire e cucinare bene al dente i vermicelli. Una volta pronti aggiungere assieme al condimento e mescolare per bene sul fuoco per qualche minuto. A questo punto alzare la fiamma e fare bruciare i vermicelli schiacciandoli con una forchetta sul fondo della padella.

Come si mangia: Ottenuta una specie di frittata, metterla in un piatto e consumarla con l’aiuto di forchetta e coltello.

L’opinione: «… e compare Tino, che aveva tuttora l’acquolina in bocca, gli gridò dietro: -Eh! Vermicelli fritti stasera, Don Giammaria! -Lo sentite! Anche quello che mangio! Borbottava don Giammaria fra i denti; fanno anche la spia ai figli di Dio per contar loro i bocconi!»

Informazioni su Agata Sapienza

Agata Sapienza
Dopo studi e peregrinazioni varie non ha ancora capito dove vive, ma legge e traduce sempre e solo dal suo divano.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com