martedì , 12 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Frankenstein: il Prometeo figlio del modernismo


Frankenstein di Mary Shelley

Che sia un romanzo gotico non c’è dubbio. Che sia un misto di orrore, sovrannaturale, “dottrine” romantiche e mitologiche nemmeno. Ed ecco che Mary Shelley l’ha pensato, creato e dato all’Inghilterra, questo Prometeo moderno. Ecco che ci presenta il suo Frankenstein.

Non abbiate paura, è solo un libro. Già, solo. Ma si sa che un libro ha il potere il cambiare le cose, e chissà, forse un giorno questa vittoria della scienza sull’uomo si concretizzerà. Ma andiamo per gradi, perché nessuno ha ancora potuto conoscere Frankenstein e la sua spaventosa creatura, visto che il libro “Frankenstein, o il Prometeo moderno” è uscito ieri, 11 Marzo 1818, per la piccolissima casa editrice londinese Lackington, Hughes, Harding, Mavor & Jones.

Il Dottor Victor Frankenstein è un eccentrico scienziato, la cui infanzia è segnata dalla morte della madre. Dolore che si trasforma nell’ossessione di creare l’uomo perfetto, indistruttibile e quindi immortale. Ce la fa, lo crea con pezzi umani. Ma la creatura non è umana, è un mostro che disgusta il suo stesso creatore.
Cos’è umano?, pare sentire dalle pagine del libro. La creatura uccide, si vendica. Questo non è umano. O lo è così terribilmente da non volerlo considerare tale?

La Shelley ha per anni curato le edizioni del marito, il poeta Percy Shelley; è figlia di due filosofi, William Godwin e Mary Wollstonecraft. Moglie e figlia di persone illuminate: non ci stupisce che abbia scritto un libro ricco di immaginazione. Ma in “Frankenstein” c’è più di questo.

Mary Shelley

Mary Shelley lascia a noi molte risposte e molte ce le lancia come tante immagini surreali. L’emarginazione del diverso. La corsa verso il modernismo e le grandi invenzioni che in questa epoca sembra assumere un significato intrinseco vitale. La ribellione verso il proprio “creatore” che tocca corde addirittura mistiche. C’è una speranza che sembra già una sconfitta. E così il gotico si trasforma, perché tutto ha in sé molti altri significati. L’opera della Shelley è unica; la moglie e figlia di illuminati è cresciuta e ha dato origine al suo capolavoro. «Il mondo per me era un mistero da scoprire. Curiosità, bruciante volontà di impadronirmi delle leggi segrete della natura, e una felicità vicina all’estasi quando esse mi si svelavano: queste sono le prime sensazioni che riesco a ricordare.» (da “Frankestein, o il Prometeo moderno”)

Informazioni su Debora Borgognoni

Debora Borgognoni
Nasce a Pavia nel 1980. Dopo il diploma in Lingue Europee, studia fotografia professionale alla John Kaverdash School Academy di Milano e nel frattempo pubblica per Albatros il suo libro d’esordio “Caro diario…”

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com