martedì , 27 giugno 2017
Le news di Asterischi

Franco Enna, trenta pseudonimi per un delitto

grande paura

La Sicilia, ben prima di Camilleri e figli, ha goduto della presenza di Franco Enna, al secolo Francesco Cannarozzo, artigiano della scrittura in grado di gettare le basi della tradizione della scuola italiana del giallo. Peccato che il caro Francesco, nato a Castrogiovanni nel 1921, in provincia di Enna, uno dei primi italiani a scrivere per la neonata collana di fantascienza Urania (il terzo in assoluto), pur essendo riconosciuto universalmente come padre letterario del giallo di provincia, è finito incredibilmente nello sgabuzzino dei ricordi. In lui convivono almeno altri trenta autori americani, tutti nomi d’arte che utilizzava perché era abbastanza diffuso il preconcetto che un genere come il giallo male si adattasse alle solari e spensierate città italiane. O forse perché, come avrebbe detto James Ellroy qualche anno dopo, la vera crime fiction è solo americana e il pubblico già lo sapeva. In realtà si ignorava quanto profondamente malvagia e subdola potesse essere la provincia siciliana che sotto il sole espone tutto il marcio che c’è.

(rrb)

Informazioni su Filippo Grasso

Pare che si diverta a leggere, ma, in realtà, passa in rassegna soltanto le quarte di copertina. Adesso che ha svelato il suo segreto vi ucciderà tutti.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com