domenica , 25 giugno 2017
Le news di Asterischi

Forse cercavi Charlie Chaplin? No.



L’8 giugno nasce Charles Chaplin, un pittore francese dimenticato.

La storia spesso è capricciosa e non si rende conto che certe cose sarebbe meglio evitarle. Charles Chaplin non è solo più “anziano” dello sgambettante di Tempi Moderni, ma non appartiene nemmeno alla stessa sfera artistica. Di conseguenza non è un maestro superato dall’allievo, né un allievo mediocre che non raggiunge mai il maestro. L’ombra lo travolge per puro gioco.

Fosse stato un pittore brillante capace di percorrere secoli avrebbe comunque conservato la sua fama al pari del suo omonimo attore? Forse sì. Non vogliamo qui peccare di presunzione ma nemmeno di vittimismo. Charles Chaplin, che opera nel periodo artistico del rococò, non appare nemmeno tra i maggiori esponenti del suo tempo.

Allora ci chiediamo, è stato dimenticato a causa del suo nome sfortunato (la pittura decadrebbe in ogni caso davanti al fenomeno Charlie Chaplin) o semplicemente non ci restano molte ragioni per ricordarlo?

Delle belle pitture, soprattutto per chi, come noi, è lontano da poter dare un vero giudizio critico e artistico.

Ma non basta, Charles.

Ci piace però immaginare che non si sia mai sentito toccato da questo strano destino, e che non abbia mai davvero pensato alla fama, troppo impegnato com’era a ritrarre giovani donne.

Ci suggerisce però una riflessione che noi suggeriamo ai nostri lettori, e si badi bene, non vuole andare oltre il campo artistico : è davvero il caso di lamentarsi quando uno più grande ci saluta e va a sedersi sul trono che gli spetta?

(as)

Informazioni su Agata Sapienza

Agata Sapienza
Dopo studi e peregrinazioni varie non ha ancora capito dove vive, ma legge e traduce sempre e solo dal suo divano.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com