giovedì , 29 ottobre 2020
Le news di Asterischi

Asterischi scrive

«Il pubblico non ha l’obbligo di essere grato alle persone senza talento della fatica che fanno a scrivere». (Luc de Clapiers, marchese di Vauvenargues)

Articoli scritti e sfornati direttamente da noi.

La scrittura del dolore

333sylvia-plath1

  Una volta qualcuno ha detto che si fa poesia non pensandoci, perché occorre farla. Si cerca di sradicare l’impotenza dalla parola per renderla proficua, per avvicinarla alla rivelazione del segreto che è in noi. Sylvia Plath non comunica, ma svela l’inquietudine e l’oppressione di una vita intera, seppur breve, attraverso versi in cui le parole suonano al di là ... Continua a leggere »

Dear Boss, mi chiamo Jack Lo Squartatore

newspapers

“Londra, East End, ore quattro e un quarto di questa mattina, 31 Agosto 1888. Un omicidio. La vittima: una donna. Mary Ann Nichols, quarantadue anni, un metro e cinquantacinque, separata da William Nichols e madre di cinque figli. Una donna del peccato stando a quanto si vocifera, che viveva in un dormitorio di Thrawl Street, tra Commercial Street e Brick ... Continua a leggere »

La strada per Lovecraft

le montagne

(Copertina di At the mountains of madness) Il teologo Adolf von Harnack scriveva qualcosa in merito alla inutilità della cristologia (L’essenza del cristianesimo, Torino, Bocca, 1903) nella ricezione del messaggio originario del vangelo. Anche la scoperta di Howard Philipps Lovecraft non può procedere seguendo un percorso che muove dal tritacarne della contemporaneità dove ogni cosa è già diventata altro. L’americano è ... Continua a leggere »

Tra i due litiganti, la terza gode di letteratura

Pivano-Hemingway e Fitzerald

L’America. Gli Anni Venti. Si sogna ancora a pronunciare queste parole perché rappresentano un mito che ti è dato solo immaginare, osservare da lontano. C’è chi l’ha fatto anche da vicino, e da quelle pagine di letteratura magica e leggendaria l’ha descritto in modo oggettivo. Lei si chiama Fernanda Pivano. Il Primo Maggio del 1925 a Parigi, al Dingo bar ... Continua a leggere »

Tre bocconcini di sesso

virgiliopinera

Virgilio Piñera, il Virgilio cubano, come amano chiamarlo i suoi amici e lettori, è stata una delle personalità più forti, contraddittorie, tormentate e dimenticate di Cuba. Per lungo tempo censurato ed eliminato dalla sfera culturale e sociale perché omosessuale e sempre pronto a dissentire, ha comunque prodotto una vasta gamma di opere che vanno dal teatro alla narrativa, alla poesia, tutte ... Continua a leggere »

shared on wplocker.com