venerdì , 18 agosto 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Vincenzo Bellini (03/11/1801)

 

« Ah, non credea mirarti sì presto estinto, o fiore passasti al par d’amore che un giorno sol durò»

La sonnambula (Amina, atto II)

 

Le tanto rimpiante cinquemila lire

Casta Diva da La Norma

Nota: « Aveva portamento effeminato, elegiaco, etereo. Tutta la persona aveva l’area di un sospiro ».

Heinrich Heine

«… Tu dagli esperj colli a le devote

Sicule piagge, al nativo Etna riedi,

Tu, cultor de le Grazie e sacerdote,

                         La sacra orgia presiedi.

Su la canizie tua santa di allori

Il sorriso dell’Arte ecco si avviva…

Cingi, o Pacini, i ridolenti fiori

                                  Nati al Simeto in riva… »

Ode a Bellini di Mario Rapisardi

Nota:

Il giovane catanese Vincenzo restò un giovane musicista per tutta la sua breve vita e catanese per ancor meno. Autore di celebri opere liriche quali Norma, i Puritani e La Sonnambula, si dedicò inoltre a numerose composizioni sacre e vocali, viaggiando dal conservatorio di Napoli a Milano, a Parma, a Parigi, dove a soli 34 anni morì. La sua salma, rimasta sepolta per 40 anni al cimitero del Père-Lachaise accanto a Chopin e Rossini, si trova adesso nel sepolcro del Duomo di Catania, ed è proprio la sua città natale ad avergli dedicato di più: dal monumento in Piazza Duomo al Teatro Massimo Bellini, dalla Villa Bellini alla più popolare pasta alla norma.

(ss)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com