martedì , 26 settembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Tenzin Gyatso (06/07/1935)

«Attraverso la meditazione si può accrescere il livello di percezione della mente, e arrivare a capire fenomeni che solitamente non si possono percepire. Si perviene a quella che noi chiamiamo “mente sottile”, che permette di vedere meglio le cose».

«L’idea è che tutti i fenomeni, sia quelli interni come il dolore, che quelli esterni come il colore, sembrano avere un’esistenza assoluta e indipendente. Se però andiamo ad analizzare a fondo, ci accorgiamo che non è così. Il che non significa negare l’esistenza. Le cose ci sono, ma hanno soltanto un’esistenza relativa e interdipendente».

da La mente e le emozioni tra religione e scienza – Intervista di Piergiorio Odifreddi

«Una volta c’era un lama famoso che si chiamava Drom. Un giorno egli vide un tale che camminava intorno al monastero. “Ah”, osservò Drom, “fai proprio bene a camminare intorno al monastero, però faresti meglio se praticassi la religione”. Bene, vuol dire che mi metterò a leggere un libro sacro, pensò l’uomo, e si immerse profondamente nella lettura, finchè un giorno Drom lo incontrò di nuovo.
“Certo, è una gran bella cosa leggere i libri sacri”, gli disse Drom, “però faresti meglio se praticassi la religione”. L’uomo pensò: Neanche la lettura delle sacre scritture è utile. Proviamo a meditare.
Passò un po’ di tempo, e Drom si imbattè ancora nell’uomo, immerso questa volta in meditazione. “Fai proprio bene a meditare”, gli disse, “però faresti meglio se praticassi la religione”. “Ma mi vuoi dire”, chiese allora l’uomo disorientato, “che cosa intendi per praticare la religione?” “Distogli la mente da tutte le forme della vita mondana. Vivi la religione nella tua mente”.»

da La mia terra, la mia gente

Nota:

Riconosciuto quattordicesimo Dalai Lama all’età di sei anni, dopo una profezia che parlava di un monastero verde, giada, oro e di una casa dalle tegole turchese.
Il resto si sa; o forse non si sa affatto.
Del suo impegno per il Tibet, delle pretese di annessione avanzate dalla Cina, dei monaci massacrati in risposta alla loro dichiarata non violenza.
Premio Nobel per la pace nel 1989, il suo nome completo è “Jetsun Jamphel Ngawang Lobsang Yeshe Tenzin Gyatso” che significa Sacro Signore, Gloria gentile, Compassionevole, Difensore della fede, Oceano di saggezza.
Buon compleanno.

(cd)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com