mercoledì , 13 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Stefano Rosso (07/12/1948)

«Si discuteva dei problemi dello Stato

Si andò a finire sull’haschisch legalizzato

E casa mia pareva quasi il Parlamento

Erano in quindici, ma mi parevan cento

Io che dicevo “Beh, ragazzi, andiamo piano

Il vizio non è mai stato un partito sano”

[…]

così di casa li cacciai senza ritegno

Senza badare a chi, mi pare, dava sdegno

Li accompagnai per strada, e chiuso ogni sportello

Tornai in cucina, e tra i barattoli uno che…

Che bello, col giradischi acceso e lo spinello

Non sarà stato giusto, sì lo so,

Ma in quindici eravamo troppi, no?

E questa, amici miei, è una storia disonesta

E puoi cambiarci personaggi ma

Quanta politica ci puoi trovar!»

Una storia disonesta

«E mentre un uomo prega

Adesso dimmi con chi stai

Ma a te, che te ne frega di tutto il male che mi fai?

E allora senti cosa fo,

Soddisfazione non ti do:

Divento qualunquista

Anarchico, o radicale

E quando è carnevale

Il travestito fo!»

E allora senti cosa fo!

Letto 26 e Blowin’ in the wind eseguite dal vivo

«Ho conosciuto tante donne, cattive oneste e senza età, a tutte ho dato un po’ qualcosa con tanta generosità. A lei, mia madre, i dispiaceri, mentre a mia moglie dei bambini, al primo amore i sentimenti, i baci e l’acne giovanile.»

Letto 26

Medley  insieme a Claudio Baglioni

Nota:

Nonostante la qualità dei suoi testi, e la sua capacità di esprimere il proprio pensiero senza ipocrisie, Stefano Rosso viene raramente citato dagli amanti della musica d’autore italiana, forse anche a causa dei pregiudizi nei confronti della sua canzone più nota, Una storia disonesta, apparentemente una canzonetta, un poco originale inno alle droghe leggere, che presenta in realtà una denuncia dell’ipocrisia dei politici italiani.

Facciamo quindi tanti auguri a Stefano Rosso, un grande autore sottovalutato e scomparso troppo presto.

(lm)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com