giovedì , 19 ottobre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Plácido Domingo (21/01/1941)

 

«Nella musica s’impara tutti i giorni e da tutti»

Antonella Iozzo, Domingo quarant’anni di Arena

«Credo molto nei giovani e nei concorsi, oggi possiamo dire che circa il 70% dei grandi nomi della lirica proviene dai concorsi, dagli stage. Da sempre é un mio desiderio poter facilitare la strada ai cantanti giovani, se la mia collaborazione con l’Arena continua sarebbe molto interessante intraprendere un progetto di questo tipo.»

Antonella Iozzo, Domingo quarant’anni di Arena

Nota:

José Plácido Domingo Embil è un cantante, direttore d’orchestra, attore e scrittore.

Dotato di un timbro scuro e pastoso, con una sorprendente ricchezza di armonici (tendente all’emissione di suoni caldi e bruniti piuttosto che a note argentine e squillanti), congeniale ai ruoli di tenore lirico-drammatico del dramma musicale ottocentesco, unito ad una estensione vocale non comune, che gli ha permesso di ampliare il proprio repertorio sino a comprendere tutte le tipologie del registro tenorile ed occasionali ruoli baritonali, dimostrando una disinvoltura ed una audacia spesso azzardate (continuando ad esibirsi dal vivo sulle scene, in ruoli spesso estremi, anche dopo i sessant’anni), arrivando a mettere a rischio la propria voce e la propria salute (celebre l’Otello del 2001 alla Scala, quando Domingo, colto da un malore a metà del secondo atto, decise, contro il parere del medico, di portare comunque l’opera fino alla fine).

La già citata poliedricità vocale, unita alla profonda sensibilità musicale e ad una naturale propensione per le lingue (parla fluentemente lo spagnolo, l’italiano e l’inglese, ha eccellenti conoscenze di tedesco e francese), gli hanno infatti permesso di affrontare un numero sconfinato ruoli (non sempre senza difficoltà o riserve da parte della critica), continuando a cimentarsi in nuovi personaggi anche in età avanzata, sino a raggiungere, nel marzo 2008, la cifra record di 130 ruoli diversi tra opere liriche, musical e zarzuelas, 126 dei quali interpretati effettivamente sulla scena (superando così ogni altro tenore passato e contemporaneo).

Attorno ad una solida base di ruoli lirico-drammatici (Otello di G. Verdi; Tosca di G. Puccini; Carmen di G. Bizet), ha saputo costruire un’immensa galleria di personaggi, interpretando pressoché tutti i più importanti ruoli tenorili del repertorio ottocentesco e verista, ma spaziando dai musicisti barocchi (Gluck; Haendel) sino al Novecento inoltrato e ad autori contemporanei (Alfano; Leigh, The First Emperator di Tan Dun, di cui è stato il primo interprete in assoluto).

Caratteristica di Domingo, è la spiccata predilezione per le incisioni live (contrariamente al collega Luciano Pavarotti), nelle quali il cantante mette in luce tutto il proprio talento drammatico (con risultati, a detta di molti, superiori alle sue registrazioni in studio), che hanno spesso dato origine a preziose testimonianze video (oltre al già citato Otello, sono da ricordare la spettacolare Turandot diretta da Zeffirelli al Metropolitan e le diverse edizioni di Tosca).

In più ha alternato la carriera musicale a quella televisiva e cinematografica, contribuendo a numerose serie e film (fra cui vogliamo citare i The Simpson e Moulin Rouge). In quanto all’attivitá di scrittore, si é cimentato soprattutto in opere riguardanti il mondo della lirica e in collaborazione con altri.

(sd)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com