mercoledì , 13 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Buon compleanno Milo Manara (12/09/1945)

 

«Nelle collaborazioni con altri autori l’approccio, nel corso degli anni, è cambiato molto da autore ad autore. Con Fellini lavorare era molto complesso: si partiva da una sua storyboard, da cui io dovevo trarre un primo fumetto, che veniva corretto dal regista ed infine ri-disegnato da me una seconda volta. Nel caso di Pratt, Jodorowski e Cerami è stato invece molto più facile: mi veniva inviata la sceneggiatura e poi avevo la totale libertà di mettere in scena la storia da loro raccontata. Con Jodorowski l’unica difficoltà è stata quella di rapresentare alcune scene particolarmente cruente, che non sono nelle mie corde di disegnatore.
Mentre nel caso di Pratt è stato facilissimo, le sue sceneggiature, vergate a mano, erano corredate da alcuni suoi disegni che mi permettevano di rappresentare oggetti che non conoscevo, come le ciotole per il Mate o l’Asado ne Il Gaucho.

Quando sono autore, in conclusione, pongo molta attenzione alla scelta del soggetto, favorendo il disegno alla composizione dei dialoghi, il mio compito è infatti raccontare per immagini; mentre quando sono solo disegnatore il mio compito è di pormi a totale disposizione dello sceneggiatore, valorizzando come meglio posso la sua storia.»

Da un’intervista rilasciata a Comicblog.

«Mi ritrovo sicuramente a tributare gli stessi autori che hanno influenzato Hugo Pratt, la mia infanzia è stata caratterizzata dalle letture di Salgari, Verne e Stevenson; mentre in adolescenza sono stati fondamentali altri classici di avventura come ad esempio Jack London. Da adulto mi sono ritrovato a ri-scoprire l’Odissea di Omero; leggerla con occhi più maturi mi ha portato a scoperte eccezionali. In chiave moderna alcuni episodi del poema sono di un’attualità incredibile. Si può citare l’episodio in cui Ulisse riceve da Eolo l’otre dei venti e fa rischiare il naufragio alla sua nave, e leggerne il rapporto dell’uomo con la natura, che non appena viene imbrigliata si ribella causando catastrofi terrificanti. Oppure il passo di Scilla e Cariddi, in cui Ulisse si trova a dover sacrificare alcuni uomini per il bene di tutti, e questa è una scelta umana sofferta che si ri-propone drammaticamente in ogni guerra, da ogni lato, dal Vietnam all’Iraq. L’odissea, come già dicevo prima, è ricchissima di queste sorprese, uno dei miei passi preferiti è quello in cui Ulisse scende all’Ade per incontrare Tiresia e si imbatte in Achille. Questo personaggio, quasi spaventoso, prototipo del vero guerriero, dice ad Ulisse che avrebbe preferito essere l’ultimo servo tra i viventi anzichè essere un valoroso nella terra dei morti. Questo è un passaggio di una potenza incredibile, se venisse scritto su tutti i muri delle caserme del mondo credo che le cose cambierebbero!»

Dylan Dog

Omaggio a Nanni Moretti

omaggio a Federico Fellini

copertina di X-Men: Ragazze in fuga.

copertina per la rivista Comic-con.

Cartoon realizzato per la pubblicità Permaflex.

Nota:

Federico Fellini, Alejandro Jodorowski, Hugo Pratt, Chris Claremont, Vincenzo Cerami, Neil Gaiman, Mino Milani Alfredo Castelli: questi i nomi di personaggi celebri, provenienti da realtà artistiche diverse, che hanno avuto, nel corso della loro carriera, occasione di collaborare con Milo Manara, considerato, insieme al compianto Guido Crepax, uno tra i più grandi disegnatori di fumetti erotici e non solo.

(lm)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com