martedì , 25 luglio 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Michel Gondry (08/05/1963)

michel_gondry

« Ogni grande idea è al confine con la stupidità »

Michel Gondry

«  […] io preferirei andare in una direzione, ancora, di penetrazione delle coscienze, mi scusi il termine… »

Da un’intervista di  John Vignola.

http://canali.kataweb.it/musica/2009/09/16/tra-sogni-e-memoria-la-spina-nel-cuore-di-michel-gondry/

« Vi mostrerò come si preparano i sogni: innanzitutto mettiamo un tantino di pensieri a casaccio, poi aggiungiamo appena una punta di reminescenze del giorno mischiate con un po’ di ricordi del passato: è per due persone. Amori, relazioni, emozioni, e tutte le cose che finiscono in “zioni”, le canzoni ascoltate durante il giorno, le cose che avete visto e altre cose personali. »

Da L’arte del sogno

« Clementine: Allora vattene!
Joel: Me ne andai, pensavo che forse eri matta ma eri eccitante.
Clementine: Avrei voluto che fossi rimasto.
Joel: E io vorrei averlo fatto. Ora vorrei essere rimasto. Vorrei aver fatto molte cose. Vorrei… vorrei essere rimasto. Davvero.
Clementine: Tornai subito di sotto, ma non c’eri!
Joel: Ero uscito, me n’ero andato via.
Clementine: Perché?
Joel: Non lo so! Ero come un bambino spaventato e… era una cosa più grande di me. Non lo so…
Clementine: Avevi paura?!
Joel: Sì… pensavo che l’avessi capito.
Clementine: E se tu rimanessi stavolta?
Joel: Se ne sono andati via tutti, non c’è piu nessun ricordo.
Clementine: Almeno torna indietro e inventati un addio, facciamo finta che ci sia stato. Addio.
Joel: Ti amo. »

da Se mi lasci ti cancello (2004)

Trailer di Is The Man Who Is Tall Happy ?

Trailer di La schiuma dei giorni (2013) tratto dall’omonimo romanzo di Boris Vian

Human Behavior – Bjork – diretto da Michel Gondry

Dance tonight – Paul McCartney – diretto da Michel Gondry

Gondry risolve il cubo di Rubik con il suo naso

Nota:

Si dice spesso che i bambini siano la bocca della verità, ingenui e immaturi, ignari o forse non ancora abbastanza conformi alla realtà creata dagli adulti. Chi meglio di un eterno dodicenne per smascherare allora gli inganni del mondo, i nostri autoinganni?

Michel Gondry è stato definito come un mago, un artigiano visionario del cinema moderno e tanti altri neoappellativi efficaci alla sua ascesa all’olimpo dei registi, ma scaturisce naturale il bisogno di rompere le sovrastrutture, di eviscerare l’essenza dalla forma, come lui stesso ci insegna. Conosciuto dai più per il successo de Lo splendore eterno di una mente senza macchie (sì, sarebbe Se mi lasci ti cancello), l’onirico viaggiatore di menti si diverte e si mette in gioco in ogni suo lavoro, dai videoclip musicali ai documentari, dai film animati ai grandi successi cinematografici, e si prefigge come unico obiettivo la sperimentazione di idee, il resto lo costruisce, o probabilmente si costruisce, totalmente da sé. L’ idea di fondo è che qualsiasi prodotto della mente umana possa assumere una forma condivisibile, così in scena i pupazzi di pezza volano, i topi riescono a mangiare con le forchette, le case e le persone si dissolvono insieme alla memoria persa; l’artificio però non si spaccia mai per vero e lo spettatore, che tanto spera di essere preso in giro, è invece obbligato ad assistere alla finzione della magia.

Come la scossa elettrica ne Gli Acchiappafilm, Gondry fa del suo cinema contemporaneamente Ars Aedificandi e macchina di distruzione, come se non fosse chiaro chi venga prima tra il Big Bang e l’uomo, se davvero il bisogno è di fare delle piccole cose le più spettacolari o di smontare le più complesse per scoprirne il significato nascosto. Forse siamo condannati a girare intorno come il cane che si morde la coda, ma se ne diventiamo consci non diventa una scelta?

Informazioni su Stefania Sciacca

Stefania Sciacca
Ha 22 anni e tanti sogni. Studia Medicina e Chirurgia a Catania e nella vita sa che curare è anche cospargere di miele l’orlo della tazza. E non c’è maggior dolcezza dell’arte e la letteratura.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com