mercoledì , 22 novembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Mariano José de Larra (24/03/1809)

«Gran persona fu il primo che chiamò peccato mortale la pigrizia»

«Tale è l’orgoglio dell’uomo, che preferisce dichiarare a voce alta che le cose sono incomprensibili quando non le comprende lui, piuttosto che confessare che ignorarle può dipendere dalla sua stupidità».

Da Vuelva usted mañana, El pobrecito Hablador, 1833, trad. a cura di Asterischi (as)

 

«Cade una parola dalle labbra dell’oratore in un piccolo circolo, e il gran popolo, ansioso di parole, la raccoglie, la passa di bocca in bocca, e con la rapidità di una scarica elettrica un crescente numero di macchine viventi la ripete e la consacra, il più delle volte senza capirla, e sempre senza calcolare che una parola sola è a volte la leva sufficiente ad alzare la massa, infiammare gli animi e causare una rivoluzione nelle cose. Queste care parole sono solite sparire con le circostanze che le hanno prodotte. Il loro destino è, effettivamente, come suono vuoto che sono, di perdersi lontano, così come si allontanano dalla causa che le ha fatte nascere.  […] ma la frase oggetto di questo articolo si perpetua tra di noi, essendo solo una funesta nota di ignominia per quelli che la ascoltano e per quelli che la dicono; così la ripetono i vinti come i vincitori, quelli che non possono e quelli che non vogliono estirparla; […] In questo paese… questa è la frase che ripetiamo tutti insistentemente, frase che serve per spiegare ogni cosa, qualsiasi cosa sia ai nostri occhi strana in senso negativo».

Da En este país, Revista Española, 1833, trad. a cura di Asterischi (as)

 

Nota:

«Non so in cosa consiste il mio essere curioso di natura; è il desiderio di sapere tutto che è nato con me, che sento bolline nelle mie vene, e che mi obbliga più di quattro volte al giorno a mettermi in angoli nascosti per ascoltare i capricci altrui, che poi diventano materia di divertimento per il tempo che passo nella mia stanza e a volte nel mio letto senza dormire; in quei momenti rifletto su quello che ho sentito, e rido come un pazzo dei pazzi che ho ascoltato».

Da El café, El duende satírico del día, 1828, trad. a cura di Asterischi (as)

Fígaro, El Pobrecito Hablador (Il povero parlante). Questi gli pseudonimi di una grande personalità spagnola, rappresentante della vena realista che percorre tutta l’Europa. Della sua produzione si ricordano gli articoli pieni di verve critica che lasciano l’amaro in bocca e non risparmiano nessuno, nemmeno lo stesso scrittore. Sembra che il tempo si sia fermato davanti alle sue parole, ma sono passati secoli e ce n’è ancora per tutti.

 

(as)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com