martedì , 12 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Leon Max Lederman (15/07/1922)

«…E l’Onnipotente guardò il mondo che aveva creato e fu scossa da risate assolutamente incontrollabili. E fece venire a sé Higgs e, frenando la propria ilarità, lo trattò severamente e disse: “ Perché hai distrutto la simmetria del mondo?”

E Higgs, abbattuto per tale lieve segno di disapprovazione, si difese così: “Ma capo, io non ho distrutto la simmetria. Ho solo fatto si che essa fosse nascosta dall’artificio del consumo di energia. E così facendo, in verità, ho reso complicato il mondo. Chi poteva immaginare che da questo monotono insieme di oggetti identici avremmo ricavato nuclei, atomi, molecole, pianeti e stelle? Chi poteva prevedere i tramonti, gli oceani, la brodaglia organica formata da tutte quelle orribili molecole agitate dal fulmine e dal calore? Chi si poteva aspettare l’evoluzione, e tutti quei fisici che cercano ciò che io, al Tuo servizio, ho nascosto con tanta cura?”

E Lei, l’Onnipotente, trattenendo a stento il riso, decretò il perdono e un bell’aumento di stipendio per Higgs.»

«Appena nato, l’elettrone cominciò subito a dare problemi. E seguita ancora oggi. Viene raffigurato come una sfera elettricamente carica che ruota veloce attorno ad un asse, creando così un campo magnetico. … nel curioso mondo degli atomi, il raggio dell’elettrone si considera generalmente uguale a zero. Ciò fa sorgere alcuni ovvi problemi:
- se il raggio è zero, che cos’è che ruota?
- Come può avere una massa?
- Dove sta la carica?
- Come si è fatto a capire che il raggio è zero?
- Posso restituire questo libro e riavere indietro i miei soldi?»

Tratto da La particella di Dio – se l’universo è la risposta, qual è la domanda?

«Quello che non mi aspettavo è il rispetto con cui le persone trattano ciò [il Nobel, ndr]. Ho pensato che questo è un altro premio, grande. E’ stato bello ottenerlo, e c’è anche un assegno che lo accompagna. Wow. Questo è grande. A qualunque festa vai quasi tutte le spese sono pagate, eccetto che per i vestiti di mia moglie. Ma c’è di più. Ha davvero un’aura attorno. In primo luogo, tu diventi esperto su tutto. Sei intervistato su “che cosa ne pensa del debito brasiliano, o sulla sicurezza sociale, o su come saranno le gonne delle donne”. Su alcune cose posso avere un’opinione, ma su altre… “quanto più corte possibile” . »

Da un’intervista pubblicata da Academy of Achievement

Traduzione a cura di Asterischi (rr)

[Sulla ricerca del bosone di Higgs]

«L’America è stata la leader mondiale incontestata del mondo scientifico dalla prima guerra mondiale fino a ieri. Con l’esperimento del Cern veniamo sorpassati…Avremmo dovuto essere noi americani a brindare oggi e invece è toccato agli europei perché l’America ha perso il treno e rischia di perderne altri»

«Nel mio libro intitolato The God Particle: If the Universe Is the Answer, What Is the Question? coniai il termine “Particella di Dio” come metafora umoristica del bosone di Higgs. L’astronomo scozzese ne suggerì l’esistenza che, secondo lui, avrebbe semplificato la nostra comprensione della natura».

Da un’intervista pubblicata sul Corriere della Sera

Nota

Leon Lederman è un fisico sperimentale statunitense ed è considerato uno dei massimi esperti nello studio delle particelle elementari. Ha diretto prestigiosi gruppi di lavoro e laboratori, tra cui il Fermilab. Ha ricevuto il premio Nobel per la fisica nel 1988 e numerosi altri prestigiosi riconoscimenti per le sue ricerche, che hanno portato, tra l’altro, alla scoperta del neutrino muonico e del quark bottom oltre che all’individuazione di una particolare proprietà nel processo di decadimento pione-muone. Con il suo libro “La particella di Dio” ha contribuito a rendere “popolare” il bosone di Higgs la cui esistenza è stata recentemente confermata grazie agli esperimenti del CERN di Ginevra.

(rr)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com