domenica , 25 giugno 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Juan Rulfo (16/05/1917)

rulfo

Diles que no me maten, racconto letto da Juan Rulfo

«- E chi può vederla se qui non c’è nessuno? Ho percorso tutto il paese e non ho visto nessuno.

- Questo è quello che crede; ma c’è ancora qualcuno. Mi dica che Filomeno non è vivo, che Dorotea, Melquiades, Prudencio il vecchio, Sóstenes e tutti loro non sono vivi. Il fatto è che vivono rinchiusi. Non so cosa facciano di giorno; ma passano la notte nella loro prigione. Queste ore qui sono piene di paura. Se lei vedesse la quantità di anime che vagano libere per le strade. Cominciano a uscire quando fa buio. E a nessuno piace vederle. Sono così tante, e noi così pochi, che non lottiamo più per pregare affinché abbandonino le loro pene. Le nostre preghiere non basterebbero per tutti. Forse toccherebbe loro un pezzo di Padre Nostro. E questo non può servire a niente. Poi ci sono i nostri peccati in mezzo. Nessuno di quelli che sono ancora vivi è in grazia di Dio. Nessuno potrà alzare gli occhi al Cielo senza sentirli sporchi di vergogna. E la vergogna non cura.»

Da Pedro Páramo, trad. a cura di Asterischi

 

02

Cambiavías en la Terminal Valle de México, Buena Vista, 1956.

06

Niña corriendo en un portal de Jalisco, 1961

«Non dormiva. Si era dimenticato del sonno e del tempo: “Noi vecchi dormiamo poco, quasi mai. A volte, sonnecchiamo appena; ma senza smettere di pensare. Questa è l’unica cosa che mi resta da fare”.»

Da Pedro Páramo, trad. a cura di Asterischi

 

Nota:

Juan Rulfo è stato il maggiore scrittore messicano del novecento; così grande che non ha avuto bisogno di scrivere molto per fare in modo che si parlasse di lui fino ad oggi. Oggi che il suo Pedro Páramo si appresta ancora e di nuovo a raggiungere Comala, per il viaggio che riguarda tutti.

Quasi dimenticate le sue foto, che talvolta ci sembrano dei fogli pieni di parole.

Informazioni su Agata Sapienza

Agata Sapienza
Dopo studi e peregrinazioni varie non ha ancora capito dove vive, ma legge e traduce sempre e solo dal suo divano.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com