mercoledì , 20 settembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Jim Morrison (08/12/1943)

«Un angelo passa correndo

Traversa la luce improvvisa

Traversa la stanza

Uno spettro ci precede

Un’ombra ci segue

E ad ogni nostra fermata

Cadiamo »

 

«Dove sono i miei sognatori

Quest’oggi & questa notte.

Dove sono i miei ballerini

che saltano come pazzi

piroettanti & urlanti

 

Dove sono le mie donne

quietamente sognanti

imprigionate come angeli

nel portico oscuro

di un podere vellutato

ballate ballate ballate ballate

ballate ballate ballate.»

 

«Se guardo indietro

alla mia vita

a colpirmi sono

cartoline

Foto Rovinate

manifesti sbiaditi

Di un tempo, che non riesco a ricordare.»

Se guardo indietro 

 

«Se solo

potessi sentire

il canto

dei passeri

e sentire l’infanzia

trascinarmi indietro

di nuovo

Se solo potessi sentirmi

trascinare indietro

di nuovo

e sentirmi abbracciato

dalla realtà

di nuovo

Io morirei

Morirei felice.»

Se solo potessi 

 

«Attimo di libertà interiore

quando la mente si apre & l’

universo infinito si rivela

& l’anima resta a vagare

fusa & confusa in cerca

qua & là di maestri e amici.»

L’apertura della cassa

 

Brani tratti da Jim Morrison – Tempesta elettrica  ed. Oscar Mondadori (2001)

Traduzione a cura di Tito Schipa jr

 

Roadhouse blues, The Doors, live

 

Light my fire, The Doors

 

Nota

Cantautore, poeta, artista, intellettuale, leggenda del rock’n’ roll: tutto ciò e altro ancora era James Douglas “Jim” Morrison.  Leader carismatico dei Doors, è stata una figura dal fortissimo potere seduttivo, simbolo dell’inquietudine giovanile e grande interprete della rivoluzione culturale e sociale degli anni sessanta; la sua breve esistenza fu caratterizzata  da uno sforzo costante, esasperato, trasgressivo, eccessivo forse, di superare le convenzioni sociali e le inibizioni personali a vantaggio di una dimensione di suprema libertà.

(rr)

Informazioni su asterischi

asterischi

Un commento

  1. Debora Borgognoni

    “There are images I need to complete my own reality” (“Ci sono immagini che mi servono a completare la mia propria realtà”)… J.D.M. è stata una di queste invisibili immagini. Bravo (rr). Un bacio.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com