martedì , 26 settembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Irène Némirovsky (11/02/1903)

«Prova a riflettere. Che genere di uomo lo farai diventare, se lo educhi nella paura? Povera bambina mia, non possiamo vivere al posto dei nostri figli (anche se a volte ci accade di desiderarlo). Ciascuno deve vivere e soffrire per conto proprio. Il più grande favore che possiamo fare loro è tenerli all’oscuro della nostra esperienza».

Da Il Calore del Sangue

 

«Antoine le accarezzò, poi baciò il nudo collo delicato. Senza parlare, sorridendo, lei si lasciava baciare, come Solange Saint-Clair tra le braccia di Dominique Hériot, come tutte le ragazze che Antoine aveva conosciuto. Senza amore, senza ancora immaginare il piacere, il presentimento dell’amore e del piacere dava a quelle carezze incompiute, ansimanti, un sapore che non avrebbero più ritrovato».

Da Due

 

«Provaci, a crepare di fame, come me, con una moglie e un figlio sulle spalle. A sentirti abbandonato. A sapere di essere solo, senza nessuno che possa prendersi cura dei tuoi cari qualora tu venissi a mancare, senza un parente, senza un amico, guardato con sospetto da tutti, uno straniero! Quando avrai visto il tuo primo figlio morire quasi di fame, quando avrai un’altra povera larva da nutrire – te! – , quando avrai passato settimane intere incollato alla finestra, ad aspettare i pazienti che non arrivano, quando avrai peregrinato da Belleville a Saint-Ouen per chiedere quanto ti è dovuto, senza ottenere nulla, quando i tuoi vicini ti avranno trattato da sporco straniero, da immigrato, da ciarlatano senza che tu abbia fatto niente per meritartelo, solo allora potrai parlarmi di denaro e di successo, e capire cosa significano; e se allora mi dirai: “Non mi servono, i soldi”, io ti rispetterò, perché vorrà dire che sai di quali tentazioni parli. Ma, per il momento, taci! Solo un uomo ha il diritto di giudicare un altro uomo!»

Da Il signore delle Anime

 

Nota:

Sono passati più o meno ottant’anni tra il primo testo e la “scoperta” di questa penna, e forse la letteratura non ci perdonerà….

Auguri.

 

(as)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com