venerdì , 18 agosto 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Ippolito Nievo (30/11/1831)


«I soldati sono tante
Macchiette senza testa,
che al vociar del comandante
cambian viso, moto e pesta,
che in deposito ai forieri
dan le paghe ed i pensieri.

I soldati son composti
Di salsiccie e di pagnotte,
educati agli usi opposti
di camosci e di marmotte:
se il nemico non li scuoia
essi vivono di noia.

I soldati sempre addosso
Hanno i cani e le puttane:
queste spolpan fino all’osso,
rodon quei ciò che rimane:
il mestiere del soldato
è un martirio malpagato.

Oh, lo so che il fine è santo,
che la imbatte di qualche anno!
Ma, se stupidi frattanto
Si diventa, chi n’ha il danno?
Raccomando l’alma mia
A Giuseppe e a Maria.»

Esame di coscienza, Da Gli Amori Garibaldini. Taccuino.

« “Studiar il valore degli uomini e delle cose!… – pensava il giovane romito, vedendo fisarsi in lui dai profondi scaffali l’occhio vitreo e miscredente dei morti scrittori – converrebbe aver tra mano le anime non i libri!… pure anche il notomista cerca nei cadaveri la scienza della vita, e cosa sono i libri se non le reliquie degli spiriti?…” »

Da Il barone di Nicastro, I

«M’andarono svaporando dal capo i fumi della poesia; cominciai a sentir il peso de’ trent’anni che già stavano per piombarmi addosso, ed a fermarmi volentieri a tavola ed a dividere l’amore che sta nell’anima da quello che solletica il corpo. (…). Per me chi perde la gioventù della mente non può che scadere dallo stato umano a qualche altra più bassa condizione animalesca. La parte di ragione che ci differenzia dai bruti non è quella che calcola il proprio utile e procaccia i commodi e fugge la fatica, ma l’altra che appoggia i propri giudizi alle belle fantasie e alle grandi speranze dell’anima.
Anche il cane sa scegliere il miglior boccone, e scavarsi il letto nella paglia prima di accovacciarvisi; se questa è ragione, date dunque ai cani la patente di uomini di proposito.»

«Napoleone capitò a Milano e si pose in capo la Corona Ferrea dicendo: Dio me l’ha data, guaj a chi la tocca! – Io mi assettai povero privato nelle antiche cameruccie di Porta Romana dicendo a mia volta: Dio mi ha dato una coscienza, nessuno la comprerà! – Ora i nemici DI Napoleone trovarono ardimento e forza bastante a toccare e togliergli del capo quella fatale corona; ma né la California né l’Australia scavarono finora oro bastante per pagare la mia coscienza. – In quella circostanza io fui il più vero e il più forte. »

Da Confessioni di un italiano, XVIII

Nota:
Nella sua breve vita visse intense esperienze intellettuali, politiche e militari, con un’energica volontà di presenza nella vita pubblica. Nel corso degli anni Cinquanta i suoi molteplici scritti mostrano la ricerca di un modello positivo di comportamento morale e politico, e insieme un rifiuto nettissimo del Romanticismo languido e sentimentale che riscuoteva ancora grande successo.
Ma questa energica vitalità sembra nascondere il suo io più profondo, come a far tacere un malessere sotterraneo, una pericolosa indifferenza, un difficile rapporto con la realtà.
(Giulio Ferroni)

(as)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com