venerdì , 18 agosto 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Ignazio Buttitta (19/09/1899)

«Stasira li cimi di l’arbuli
chi mòvinu la testa e li vrazza
parranu d’amuri a la terra
e io li sentu

Sunnu li paroli di sempri
chi vui scurdastivu,
cumpagni di viaggiu
nudi e pilusi,
in transitu dintra gaggi di ferru.

Unn’è chi ghiti a càdiri
si nuddu v’accumpagna
e la scienza è in guerra contru l’omu?»

da Cumpagni Viaggiu –  Il Poeta in Piazza (1974)

«Un populu
mittitulu a catina
spugghiatulu
attuppatici a vucca,
è ancora libiru.

Livatici u travagghiu
u passaportu
a tavola unni mancia
u lettu unni dormi
è ancora riccu.

Un populu,
diventa poviru e servu
quannu ci arribbanu a lingua
addutata di patri:
è persu pi sempri.»

«Nuàtri l’avevamu a matri,
nni l’arrubbaru;
aveva i minni a funtani di latti
e ci vippiru tutti,
ora ci sputanu.

Nni ristò a vuci d’idda,
a cadenza,
a nota vascia
du sonu e du lamentu:
chissi non nni ponnu rubari.

Nni ristò a sumigghianza,
l’annatura,
i gesti,
i lampi nta l’occhi:
chissi non ni ponnu rubari.

Non nni ponnu rubari,
ma ristamu poviri
e orfani u stissu.»

da Lingua e Dialettu (1970)

«Zocch’è e pirchì,
guardu a campagna e ciurisci cu mia,
guardu u mari e mi pari u me lettu,
guardu u celu e ci trasu cu cori?

Zocch’è e pirchì
io sugnu sulu
e viu genti e banneri
e òmini d’ogni lingua
e mi sentu carni ncurpurata
e ciumi nte ciumira?

Zocch’è e pirchì
mi sentu natura
chi mori e rinasci
ed haiu i carni tènniri?…

Stamatina addivintavu omu. »

da U tempu longu

«Ma siddu è puisia
vuliri milli
centumila fazzuletti bianchi
p’asciucari occhi abbuttati di chiantu;
vuliri letti moddi
e cuscina di sita
pi l’ossa sturtigghiati
di cu travagghia;
e vuliri la terra
un tappitu di pampini e di ciuri
p’arrifriscari nta lu sò caminu
li pedi nudi di li puvireddi:
(un mumentu ca scattu!)

Ma siddu è puisia
farisi milli cori
e milli vrazza
pi strinciri poviri matri
inariditi di lu tempu e di lu patiri
senza latti nta li minni
e cu lu bamminu nvrazzu:
quattru ossa stritti
a lu pettu assitatu d’amuri:
(un mumentu ca scattu!)…

datimi na vuci putenti
pirchi mi sentu pueta:
datimi nu stindardu di focu
e mi segunu li schiavi di la terra,
na ciumana di vuci e di canzuni:
li sfarda a l’aria
li sfarda a l’aria
nzuppati di chiantu e di sangu

da Nun sugnu pueta - Lu pani si chiama pani (1954)

 

Nota:

 

Non è un caso se oggi Ignazio Buttitta è riconosciuto come il maggiore poeta dialettale siciliano contemporaneo. La poesia di Buttitta è in tutto e per tutto Sicilia, e la Sicilia è nella poesia di Buttitta. Il popolano siciliano meno acculturato ed il contadino meno avvezzo a qualsivoglia forma d’arte, nel sentire i versi di Buttitta riconosce subito di cosa si sta parlando, e sente che la bocca del poeta parla per lui: se avesse l’arte di farlo, direbbe quello che sta dicendo Buttitta. Ignazio è un poeta socialista, che fonda nel suo paese il “circolo Turati”e pubblica un foglio settimanale dal titolo La povera gente, un cantastorie che combatte il nazi-fascismo tra le fila delle Brigate Matteotti, nel periodo di permanenza in Lombardia. Tutta la sua arte nasce dalla sintesi di due elementi: sentimento e impegno sociale. Sicilia e Socialismo. Buttitta è il Sintimintali, ma anche Il Poeta in Piazza. Ne esce una poesia del semplice, che si erge a difesa del ‘morto di fame’ e della libertà di un popolo martoriato, che si nutre della sensibilità verso il gesto popolare quotidiano.

(ct)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com