domenica , 24 settembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Herman Melville (01/08/1819)

«Mi sono unito a loro, le ferrovie sono dovunque le stesse. Siamo passati attraverso Portici, Resina, Torre del Greco. Pompei è uguale ad ogni altra città. La stessa antica umanità. Che si sia vivi o morti non fa differenza. Pompei è un sermone incoraggiante. Amo più Pompei che Parigi. C’erano delle guardie silenziose come il Mar Morto. Al Vesuvio a dorso di cavallo. Vigneti sulle pendici. Arrampicata sulle ceneri. Aggrappato alla guida. Discussione. Il vecchio cratere di Pompei. Il cratere attuale è come una vecchia miniera abbandonata. L’uomo che brucia. Rosso e giallo. Tuoneggiante. Boati. Una lingua di fuoco. Sono sceso nel cratere. Liquirizia congelata. Son sceso giù in fretta. Crepuscolo. Cavalcata nel buio. All’Annunziata trovato un vetturino per Napoli. Una corsa nel freddo senza soprabito. Di ritorno all’Hotel a mezzanotte. La strada e la campagna erano silenziose. Un sobborgo. Cena a letto.»

Da Diario italiano

«Chiamatemi Ismaele. Alcuni anni fa – non importa quanti esattamente – avendo pochi o punti denari in tasca e nulla di particolare che m’interessasse a terra, pensai di darmi alla navigazione e vedere la parte acquea del mondo. È un modo che ho io di cacciare la malinconia e di regolare la circolazione. Ogni volta che m’accorgo di atteggiare le labbra al torvo, ogni volta che nell’anima mi scende come un novembre umido e piovigginoso, ogni volta che mi accorgo di fermarmi involontariamente dinanzi alle agenzie di pompe funebri e di andar dietro a tutti i funerali che incontro, e specialmente ogni volta che il malumore si fa tanto forte in me che mi occorre un robusto principio morale per impedirmi di scendere risoluto in istrada e gettare metodicamente per terra il cappello alla gente, allora decido che è tempo di mettermi in mare al più presto.»

Incipit di Moby Dick

«Pensate a venticinque cumuli di cenere, scaricati qui e là in un campo alla periferia della città. Immaginate che alcuni siano giganteschi come montagne e che il campo sia il mare: avrete così l’idea esatta delle Encantadas, o isole Incantate. Un arcipelago di vulcani spenti, piuttosto che di isole, più o meno come apparirebbe il mondo dopo una conflagrazione punitiva.»

Da Galapagos

Nota

Dopo Moby Dick un cetaceo col suo nome, livyatan melvillei per l’esattezza, sembra il minimo. Ma resteremmo davvero al minimo se di Melville ci limitassimo a ricordare soltanto la storia della grande balena bianca – Carl Schmitt ha voluto ricordare come l’americano abbia fatto per l’oceano quello che Omero aveva fatto per il Mediterraneo orientale, creando, addirittura, “il più grande epos dell’oceano in quanto elemento” – perché c’è veramente molto altro da leggere. A cominciare da Bartleby lo scrivano fino a Benito Cereno. Non lasciatevi trasportare via dall’egoismo dell’enorme essere candido.

(rrb)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com