martedì , 12 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Heinrich Böll (21/12/1917)


«Comincia a canticchiare tra me e me un testo, il primo che mi venne in mente: “Il povero papa Giovanni non ascolta la CDU; non è il ciuco dei Müller ma anche il resto non gli va giù” Come principio questo poteva andare e il Comitato Centrale per la Lotta contro il Sacrilegio e la Bestemmia non avrebbe avuto nulla da ridire sul testo. A mano a mano ci avrei aggiunto molte altre strofe e avrei intonato il tutto in tono di ballata. Avevo voglia di piangere: la biacca sul viso me lo impediva, era così perfetta con quelle crepe, con quei punti in cui il gesso cominciava a sfogliarsi; le lacrime avrebbero rovinato tutto.»

Opinioni di un clown

Nota: L’insostenibile peso della memoria, necessità bruciante, che pervade e informa l’opera di Heinrich Boll.
Bisogno quasi fisiologico, quello di ricordare per una Germania umiliata e offesa, che deve fare i conti con il proprio passato; per un uomo, quello novecentesco, che si ritrova solo con se stesso , figlio di ideologie divenute sigle vuote che non sanno dare risposte, ma che incombono, mostri minacciosi e incomprensibili, nella vita di ogni giorno.
La rabbia, causata dall’inanità dell’azione, ma allo stesso tempo motore propulsore dell’esigenza di scrivere, rabbia che è desolazione ma anche volontà di riscatto.
E infine la speranza, più che nell’uomo nella possibilità stessa di sperare.

La memoria, la rabbia, la speranza intervista con René Wintzen, titolo di un’opera di Heinrich Böll

(lb)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com