martedì , 26 settembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Francio Scott Fitzgerald (24/09/1896)


 

«Erano ancora nella fase più felice dell’amore. Erano pieni di illusioni coraggiose nei riguardi l’uno dell’altra, illusioni tremende, per le quali la comunione dell’io con l’io pareva su un piano in cui nessun’altra relazione umana importava.»

Da Tenera è la notte, traduzione di Fernanda Pivano.

 

«Si scrive di cicatrici guarite, un parallelo comodo della patologia della pelle, ma non esiste una cosa simile nella vita di un individuo. Vi sono ferite aperte, a volte ridotte alle dimensioni di una punta di spillo, ma sempre ferite. I segni della sofferenza sono confrontabili piuttosto con la perdita di un dito o della vista di un occhio. Possiamo non perderli neanche per un minuto all’anno, ma se li perdessimo non ci sarebbe niente da fare.»

Da Tenera è la notte, traduzione di Fernanda Pivano.

 

«“Non trattarmi come una ragazza” lo avvertì. “Io non sono come nessuna ragazza che tu conosca.”

Indugiò un istante a riflettere. “Però, forse hai ragione. Tu hai una testa piena di saggezza su spalle ancora molto giovani.”»

Da Il fannullone, contenuto nell’antologia Racconti dell’età del Jazz, traduzione di Giorgio Monicelli.

 

« DIVINE (cupamente) Abbastanza. Dopotutto, che cos’è l’essere brillanti? Solo questo: seminare quando nessuno ti vede e raccogliere quando tutti ti guardano.

SIGNOR ICKY Attento… Io non voglio che mia figlia sposi un epigramma.

DIVINE (più cupamente) Le assicuro che io sono un semplice luogo comune. Spesso scendo al livello di un’idea innata. »

Da Il signor Icky, contenuto nell’antologia Racconti dell’età del Jazz, traduzione di Bruno Oddera

 

« È una ragazza — evidentemente un accessorio della vasca da bagno — di cui appare soltanto la testa e la gola (le  ragazze non hanno collo, ma gola), insieme con un accenno di spalla, che emerge dal bordo della vasca. Nei primi dieci minuti della rappresentazione il pubblico è occupato a domandarsi se la fanciulla stia facendo sul serio e non abbia davvero niente addosso, o se invece non sia lutto un imbroglio ed ella sia vestita.»

Dal prologo al racconto dialogato La vasca azzurra contenuto nell’antologia Racconti dell’età del Jazz, traduzione di Giorgio Monicelli

 

Nota:

 

« Fitzgerald è abilissimo nel dare in pasto al lettore i gossip più croccanti che girano sul conto del suo eroe prima di presentarglielo ufficialmente. Una tecnica narrativa che ricorda il modo con cui Dostoevskij, ne I demoni, procrastina il più possibile l’entrata in scena di Stavroghin. E l’esempio non è peregrino, visto che c’è qualcosa di demoniaco nell’idea che la gente si è fatta di Gatsby.»

Alessandro Piperno

 

« La satira, la denuncia sociale e il simbolismo si mescolano ininterrottamente […], tra una descrizione e l’altra dei soliti giovani stellanti fitzgeraldiani, tutto languore lei, tutto desiderio lui, perpetuamente sul punto di baciarsi e intenti a discutere se baciarsi o no; ma si mescolano anche con la cinica bramosia del protagonista, simbolo del materialismo americano col suo culto del denaro e qui rappresentante della salvaguardia economica dell’intera America attraverso la corruzione del governo, la corruzione della scienza e la corruzione della natura, sconfitta alla fine dall’aeroplano simbolo del progresso e della nuova generazione.»

Fernanda Pivano

Narratore dell’America ‘dell’età del jazz’, Francis Scott Fitzgerald è stato uno tra i più innovativi autori letterari di sempre: quasi un post-moderno ante litteram, Fitzgerald amava osare tanto nella scelta dei protagonisti delle sue opere – si pensi a Jim, protagonista de Il fannullone – quanto nella tecnica narrativa; proprio la voglia di sperimentazione tecnica l’ha portato a pensare storie al contrario come Benjamin Button, comporre opere teatrali che comprendevano oltre alle direttive canoniche rivolte agli attori anche quelle per il pubblico, e a rivoluzionare la struttura classica del romanzo inserendo, come accade in Tenera è la notte, il prologo della storia a metà della narrazione.

 

(lm)

 

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com