giovedì , 19 ottobre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Erri de Luca (20/05/1950)

 
 
«Lei è figlio del Grisso? Non gli somiglia affatto.
 
L’uomo se ne risente, ma si dispiace di più di accusare il colpo. Quel padre così poco presente è stato il suo dolore. Per contrasto ha voluto non assomigliarli, per polemica muta ha voluto marcare da lui le differenze e però lo addolora non assomigliare a lui.»
Da Tu non c’eri
 
«Scalo, mi struscio sopra la pietra ruvida, compatta, sopra il vuoto delle pareti come sopra quello delle pagine, toccando in superficie. Dai suoi libri, dalle montagne ho ricevuto l’uso di sfiorare.»

Da Tu non c’eri
 
«Da così lontano: ma da quanto, che distanza esige la scrittura? Viene dalla serpentina della tua spina dorsale, da un ricordo di ali, da una coda mozzata, viene dai bivacchi intorno ai fuochi la scrittura che infine spunta dalle dita dopo aver attraversato nel corpo le stazioni della civiltà. Viene da un ascolto di storie di chi barcollava per alcol e per affanni, voci di anziani arrivati alle loro ultime stanze. Viene da notti bianche e giorni da servo, viene da un’espulsione, da un foglio di via. La scrittura è lo sfregamento della distanza sopra un foglio di carta.»

Da Tentativi di scoraggiamento (a darsi alla scrittura)
 
«Se potrò scordare di te
si dovrà scordare di me
la mano che scrive le lettere
la destra del martello
e del palmo di fionda
Se potrò scordare di te
s’attaccherà la lingua
alla sella del palato,
la lingua dei fischi alla notte
e dei baci alla pelle
leccata come una capra il sale.
S’attacchi lingua a mascella
se non ti salirò in cima all’allegria.»

Variazioni sul salmo 137, da Opere sull’acqua e altre poesie
 
«Non c’è ritorno, pensavo, questo viaggio manca di simmetria, è solo andata.»
da Tu,mio.
 
«Sul cartellino la mia faccia e il nome
Sotto la scritta EMERGENCY, qualifica: guest, ospite.
Va a pennello. Quello sono stato e resto.
Faccio il conto: ospite fisso a casa della rivoluzione
Fino alla coda, la parte più dura a scorticare,
uscito senza chiudere la porta.
[…] Ospite pure nell’amore se già ce n’era un altro
corticare,
ione
ere la porta.E ce n’è sempre un altro.»
Da L’ospite incallito, prima poesia della raccolta omonima.

 
«Accosto la fronte alla tua, si toccano, dico: “è una frontiera”.
Fronte a fronte: frontiera, mio scherzo desolato, ci sorridi.
Col naso ci riprovo, tocco il naso, per una tenerezza da canile:
“E questa è una nasiera”, dico per risentire casomai un secondo sorriso, che non c’è.
Poi metti la mano sullamia e io resto indietro di un respiro.
“E questa è una maniera”, mi dici.

“Di lasciarci?” ti chiedo. “Sì,così”.»
Mantiera, da L’ospite incallito

 
«La montagna nascona, ha vicoli, soffitte, sotterranei, come la città dei suoi anni violenti, ma più segreta. Aveva nascondigli sparsi, depositi con fucili e cartucce, ripari e bivacchi invisibili. Usciva di casa con l’arma dichiarata, raggiungeva uno dei suoi posti, lì cambiava arma e partiva per la battuta.»

da Il peso della farfalla

 
«La traduzione è un atto di ammirazione. Comporta un’emozione, un arrossamento. Chi lo compie deve rinunciare alla propria letteratura per condurre un mezzo di trasporto. Il traduttore è un autista. È il suo carico a essere letterario.»
da un’intervista rilasciata al sito NdT – La Nota del Traduttore

L’intera intervista: (http://www.lanotadeltraduttore.it/erri_luca_scrittore.htm)
 
 
«Considero valore quello che domai non varrà più niente e quello che oggi vale ancora poco.»

Neri Marcorè legge Valore di Erri De Luca.
 
Nota:
 
Il rapporto col padre, la montagna, i viaggi, la Bibbia, il mestiere di scrittore, il ’68 e quell’amore, sempre presente ma descritto “senza nominarlo, la precisione sta nell’evitarlo”: sono queste le tematiche predilette da Erri De Luca, che con la sua vastissima produzione letteraria, che spazia dalla poesia alla saggistica, dalle traduzioni alla narrativa in forma di romanzo e racconto, riesce a rincuorare chi, come noi, ha un po’ paura di ritrovarsi in un mondo senza letteratura.
 
(lm)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com