martedì , 26 settembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Ennio Morricone (10/11/1927)

“Per un pugno di note do la mia anima ai film”

“Ho cercato di rappresentare in musica una bobina di film che si srotola sempre più velocemente fino a scoppiare in un tema conclusivo”

Nota
Con la colonna sonora di Baarìa Morricone è arrivato all’impressionante numero di 401colonne sonore cinematografiche composte, tra cui film entrati nell’olimpo della storia del cinema anche grazie alle impareggiabili musiche del maestro. A queste si devono aggiungere le opere non realizzate per il cinema e che rientrano sotto la più generale categoria di arte contemporanea: opere teatrali, lavori sinfonici e per solista e orchestra, composizioni corali, musica da camera, etc. Una produzione impressionante che nel 2007 lo ha portato al premio oscar per la carriera “per i suoi magnifici e multisfaccettati contributi nell’arte della musica per film”, oltre a svariati Nastri d’argento, Donatello etc…
Diplomato in tromba, strumentazione per banda e composizione a cui ha affiancato studi di musica corale e direzione di coro è soprattutto ricordato per le sue 30 colonne sonore per film western. In particolare per la “trilogia del dollaro”, i tre film in collaborazioni con l’ex compagno di classe delle scuole elementari Sergio Leone, in cui Ennio Morricone firma delle colonne sonore destinate a rimanere nella storia della musica per cinema e non solo; colonne sonore più volte riprese da altri registi e musicisti. La sua influenza sulla musica in toto (da quella sinfonica al rock all’elettronica) è sorprendente, artisti di qualsiasi genere hanno dichiarato di ispirarsi alle sue composizioni (dai Metallica ai Radiohead, da Bruce Springsteen a John Zorn).
L’epicità e l’oniricità del suo stile compositivo è forse riassunta tutta ne “Il buono, il brutto, il cattivo”, che insieme a “C’era una volta il west”, “The Mission” e tante altre hanno consacrato Ennio Morricone come uno dei più grandi compositori contemporanei.

(rv)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com