sabato , 25 novembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Ellen Johnson Sirleaf (29/10/1938)

 

 

 

«Donne, siete pronte per la storia?»

dal discorso d’insediamento del 2006

 

«Se stai competendo con degli uomini a livello professionale, devi sempre essere meglio di loro… ed essere certa di ottenere il loro rispetto come una pari. E’ difficile. Anche quando guadagni la loro approvazione, lo schema è sempre dominato dalla figura dell’uomo. Dicono ‘Oh, ora lei è uno di noi’ »

da un’intervista al The Associated Press del 2005

 

«Negli anni passati si sono succeduti molti governi qui fondati sulla brutalità, sulla necessità di incutere paura nella gente. Noi crediamo invece che è possibile esercitare il potere senza la repressione.»

dal film Iron Ladies of Liberia

 

She is – India. Dedicata a Ellen Johnson Sirleaf

 

dal film/documentario Iron Ladies of Liberia

 

Nota:

«Ellen – Lei è il Nostro Uomo »

Slogan liberiano della campagna presidenziale del 2005

 

«E’ una donna straordinaria, una forza della natura ed ora il mondo la riconosce in questo grande, grande, grande modo »

Bono su Ellen Johnson in occasione dell’assegnazione del Nobel 2011.

«Sarebbe stato molto più facile per lei lasciare la politica e decidere di occuparsi della casa come tante altre, ma non ha mai mollato ».

Veterano della scena politica liberiana su Ellen Johnson. Da http://www.africansuccess.org/

Esiste un piccolo Stato affacciato sulla costa occidentale dell’Africa del Nord dove a regnare sono tanti re e regine, tanti piccoli e umili cittadini che, a prescindere dalle oppressioni, le guerre e i soprusi subiti in quasi due secoli di storia, mai piegati alla rassegnazione, hanno coltivato la speranza di un paese libero e oggi ne festeggiano il riconoscimento. Quel paese è chiamato Liberia. Ed esiste davvero. Il  7 ottobre 2011 è proprio a loro che Ellen Johnson Sirleaf dedica il premio Nobel per la Pace, perché sono i liberiani ad averci creduto e, se non per i propri figli, una madre per chi dovrebbe lottare? La presidentessa della Liberia Ellen Johnson è infatti conosciuta nel suo paese come Mama Ellen, mentre il mondo la preferisce come l’IronLady. E come stupirsi, è una donna. Ellen incarna la speranza e il futuro per tutti i liberiani: Ellen che vive e si appassiona della sua terra, che studia e ne segue le tradizioni sposandosi a 17 anni, Ellen che non si basta e vola alla Madison Business College, all’università del Colorado, ad Harvard, perché può e vuole fare qualcosa per il suo Paese, e poi ancora Ellen che viene arrestata per il suo rigore morale, Ellen che si rifiuta di sedere di diritto in Senato perché qualcuno deve pur protestare contro gli abusi di potere, non si può vivere di briciole pensando di non poter ottenere di più, si può sempre ottenere di più.

Oggi Ellen vuole essere un esempio per tutte le donne del suo paese e del mondo, perché con la determinazione e soprattutto il rispetto e l’amore verso i propri cittadini è possibile saldare un debito pubblico, “democratizzare” i rapporti economici e far fiorire un’educazione di eccellenza in un clima lontano dalle angosce della guerra civile. Che dall’impresa però non si sentano esclusi i maschietti: se oggi infatti si sente tanto parlare di femminismo non è solo per il crescente merito di certe donne, ma forse anche per l’incresciosacondotta dei troppi non-si-capisce-da-chi-autorizzati/legalizzati uomini al potere.

(ss)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com