martedì , 12 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Edmund Husserl (08/04/1859)

«Non posso fare esperienza dell’altro se non per mezzo dell’empatia (‘Einfühlung’)».

«Io vedo, ascolto, faccio esperienza   non solo con i miei sensi, ma anche con quelli degli altri, e gli altri  non esperiscono unicamente mediante i propri sensi, ma anche con i miei; ciò si verifica attraverso  il comunicarsi della presa d’atto».

«Se vi fosse la possibilità di accedere direttamente all’altro in ciò che gli è essenzialmente proprio, allora l’altro sarebbe meramente un momento dell’essenzialmente mio e, in definitiva, io e l’altro non saremmo che la medesima cosa».

da Meditazioni cartesiane

Nota

Matematico e filosofo dei primi del Novecento, Husserl è considerato il padre delle ricerche contemporanee nella psicologia cognitiva.  Propone una matematica senza teoremi e una psicologia senza esperimenti. Tutto è reale, però tutto è psichico e la domanda da porsi è se le cose, lì fuori, esistono davvero. Chissà se (come suggerisce M. Ferraris in un articolo) era realmente convinto che le tesi della fenomenologia sono vere a prescindere dai risultati degli esperimenti o se piuttosto aveva adottato tale atteggiamento perché nei primi anni di incarico accademico a Göttingen non potè accedere ai laboratori a causa di un litigio con un collega? Nel 1935 Husserl, ebreo, rilanciò il programma fenomenologico come possibile via di salvezza dai pericoli di disumanizzazione e irrazionalismo che incombevano sulla cultura europea.

(sd)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com