venerdì , 21 luglio 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno David Foster Wallace (21/02/1962)

Davidfosterwallace

«In media, chi soffre di qualche deformità ha con gli specchi un rapporto di amore-odio: ha bisogno di vedere come procedono le cose, ma insieme odia il fatto che stiano procedendo.”

Da Verso l’occidente l’impero dirige il suo corso, Minimum fax

«In altre parole, ai suoi inizi la tv americana non faceva che un’ipocrita apologia di quei valori la cui fondatezza era andata declinando in un periodo di sviluppo aziendale, trinceramento burocratico, avventurismo in politica estera, conflitti razziali, esperimenti nucleari segreti, assassini, intercettazioni telefoniche, ecc. Non è per niente casuale che l’ironia postmoderna prendesse di mira il banale, l’ingenuo, il sentimentale, il semplicistico e l’autoritario, perché queste qualità erano proprio quelle che la tv degli anni Sessanta sembrava celebrare come tipicamente americane. E l’ironia ribelle della migliore narrativa postmoderna non aveva soltanto la credibilità artistica; sembrava avere proprio un’utilità sociale per la sua capacità di operare quella che i critici della controcultura hanno definito “una negazione critica che avrebbe reso immediatamente chiaro che il mondo non è quello che sembra”.»

Da Tennis, tv, trigonometria e tornado, Minimum fax

«Una vacanza è una tregua dalle cose sgradevoli, e poiché la coscienza della morte e della decadenza è sgradevole, può sembrare strano che la più sfrenata fantasia americana in fatto di vacanze preveda che si venga schiaffati in mezzo a una gigantesca e primordiale macchina di morte e decadenza. Eppure, sulla crociera extralusso 7NC, veniamo coinvolti con abilità proprio nella costruzione di svariate fantasie di trionfo sulla morte e sulla decadenza. Un modo di mettere in atto questo “trionfo” è la disciplina del miglioramento di se stessi; e la manutenzione anfetaminica della Nadir da parte dell’equipaggio è sfacciatamente analoga alla cura ossessiva dell’organismo: dieta, ginnastica, integratori ipervitaminici, chirurgia cosmetica, seminari sul time management e tutto il resto».

Da Una cosa divertente che non farò mai più, Minimum fax

«È il 1986. Il cielo notturno della California è illuminato e silenzioso come un palazzo nobiliare deserto. Piccole paillettes bianche disegnano lente linee sulle strade in lontananza sotto l’appartamento caldo di Faye. Faye Goddard e Julie Smith sono stese sul letto di Faye. Si mettono una sopra l’altra a turno. Fanno sesso. Le grida di Faye tintinnano come monete contro le pareti di vetro del suo attico. Faye e Julie si rinfrescano a vicenda con degli asciugamani bagnati. Nude, si mettono in piedi davanti a una parete di vetro e guardano Los Angeles. Piccoli pezzi di Los Angeles si accendono e si spengono per un istante, ogni volta che una luce ostacola un’altra luce. Julie e Faye sono a letto, da amanti. Si scambiano complimenti sui loro corpi. Si lamentano della brevità della notte. Esaminano e riesaminano, con una sorta di entusiasmo infelice, le piccole ignoranze che necessariamente, dice Julie, delimitano la strada che porta a qualunque vero legame fra due persone. Faye dice che Julie le piaceva già da molto prima che sapesse di piacerle. Vanno insieme a prendere l’Oxford English Dictionary per esaminare la voce “piacere”. Si abbracciano. Julie è molto bianca, ha i capelli corti e spinosi. Di notte, attraverso i vetri, l’oscurità della stanza è punteggiata da piccoli pezzi di Los Angeles. Il buio scende pian paio intorno a loro e le avvolge come un guanto da giardinaggio. E’ incredibilmente romantico.»

Da La ragazza dai capelli strani, Minimum fax

«Quasi tutti gli amanti del tennis che seguono il circuito maschile in televisione hanno avuto, negli ultimi anni, quelli che si potrebbero definire “Momenti Federer”. Certe volte, guardando il giovane svizzero giocare, spalanchi la bocca, strabuzzi gli occhi e ti lasci sfuggire versi che spingono tua moglie ad accorrere da un’altra stanza per controllare se stai bene. I Momenti sono tanto più intensi se un minimo di esperienza diretta del gioco ti permette di capire l’impossibilità di quello che gli hai appena visto fare.»

Da Il tennis come esperienza religiosa, Einaudi

«Lenore sta dormendo, stanotte d’un sonno stranamente profondo, sotto la rasposa coperta dell’Howard Johnson Hotel. Il suo respiro mi arriva tiepido e dolce; me ne imbevo. Le sue labbra sono roride, con agli angoli un’impercettibile traccia di bianca schiumetta da sonno. Io non conosco una Lenore allo stato orizzontale. Lenore nel suo letto è qualcosa di ultraterreno e proteiforme.»

Da La scopa del sistema, Einaudi

Nota

È estremamente difficile definire David Foster Wallace in poche righe. Posso solo dire che sentiva in modo diverso da noi. Più forte, più astratto, più storto, forse, ma sentiva. Sentiva così forte che questo mondo, il nostro, ha dovuto arrendersi a lui.

Buon compleanno, David.

(tv)

Informazioni su Tamara Viola

Tamara Viola
È bellabellabella in modo assurdo. In perenne lotta contro il sole, gli uomini con le camicie a maniche corte, le donne con l’eyeliner sbavato. Famosa gerontofila, cade spesso in amore. Sa leggere e scrivere.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com