giovedì , 14 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Dacia Maraini (13/11/1936)


«La pace ha bisogno di conoscere la guerra per denunciarla e condannarla.» (“Io donna”, 19 aprile 2003)

«Non vedo altro motivo che il piacere: si scrive spinti da un desiderio quasi erotico, si scrive perché si è felici di farlo. Vengo da una famiglia di scrittori: mia nonna, Yoi Pawlowska, la madre di mio padre, agli inizi del secolo scriveva in inglese libri di viaggio, un nonno, Enrico Alliata, scriveva libri di filosofia e anche mio padre, Fosco, scrive libri di etnologia, ma con piglio da narratore. Quindi era destino che io avessi un rapporto stretto con i libri. Sono stata una lettrice precocissima, anche se il mio primo rapporto con la letteratura italiana è avvenuto da straniera. Venivo infatti dal Giappone, leggevo in inglese e quando sono arrivata nel mio paese il mio italiano era incerto, stentato.»

«la mancanza sta all’origine di tutti i pensieri desideranti. La mancanza è una spinta a desiderare e il desiderio dà impulso all’immaginazione. La scrittura nasce da una mancanza, come nel caso dell’amore che ho avuto per mio padre. Sono stata una bambina innamorata del padre. L’ho aspettato tanto e l’ho amato così, da lontano, desiderando che tornasse ma vedendolo molto poco.»

«La bellezza non è qualcosa per cui si gareggia: ciascuno ha qualcosa di bello da scoprire; l’attenzione è la chiave della scoperta.» (da Dolce per sé)

Nota:
Nasce a Firenze e si trasferisce piccolissima a Kioto, in Giappone, grazie ad una borsa di studio vinta dal padre Fosco, celeberrimo antropologo. A causa dell’antifascismo dei genitori venne internata con le sorelle in un campo di concentramento giapponese.
Si trasferiscono dunque a Firenze; “Bagheria l’ho vista per la prima volta nel ’47″ , ecco come inizia il libro che prende il titolo dall’omonima città. Nel 1963, dopo un matrimonio durato quattro anni, va a vivere con Alberto Moravia. Gli anni ’60 sono gli anni dell’ “iniziazione” al femminismo e del primo romanzo: “La vacanza” (1962).
1990 – “La lunga vita di Marianna Ucrìa” (premio Campiello)
1999 – “Buio” (premio Strega)
2007 – “il gioco dell’universo” (premio Cimitile)

(ag)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com