martedì , 26 settembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Claude-Achille Debussy (22/08/1862)

«La musica è una somma di forze sparse…. e se ne fa invece una canzone speculativa! Preferisco le poche note del flauto di un pastore egizio; collabora al paesaggio e sente delle armonie che i vostri trattati ignorano…. I musicisti ascoltano soltanto la musica scritta da abili mani; mai quella che è iscritta nella natura. Vedere l’alba è più utile che sentire la Sinfonia Pastorale»

«Bisogna cercare la disciplina nella libertà e non nelle formule di una filosofia divenuta caduca e buona solamente per i deboli, senza ascoltare i consigli di nessuno se non del vento che passa e che ci racconta la storia del mondo»

« [La musica dovrebbe essere] scritta appositamente per essere eseguita all’aperto, tutta a grandi linee, con arditezze vocali e strumentali capaci di svolgersi e librarsi sulla cima degli alberi nella luce dell’aria libera; […] si realizzerebbe così la collaborazione misteriosa delle curve dell’aria, del movimento delle foglie e del profumo dei fiori, poiché la musica è capace di riunire tutti questi elementi in un’intesa tanto perfettamente naturale da apparire partecipe di ciascuno di essi… E i buoni alberi tranquilli non mancherebbero di raffigurare le canne di un organo universale… »

«Vi è anche una concezione dello spazio, secondo la quale la presenza e l’assenza, il vicino e il lontano, possono paradossalmente coesistere. Lo spazio […] è piuttosto un’atmosfera, il luogo dello “sporadismo” delle creature, cioè l’insularità monadica immersa nell’incertezza del destino.»

Da “Monsieur Croche antidilettante” di  Claude-Achille Debussy

Nota:

Debussy espresse perfettamente il clima poetico, raffinato e decadente, della Belle Epoque, finita con la prima guerra mondiale e che in Francia si era sviluppato verso la fine del secolo XIX. La sua musica si affrancava dai temi espressi nelle opere dei compositori della seconda metà dell’800 ritenute troppo artificiose e accademiche e si ispirava alla natura e ai suoi ritmi; è considerato, assieme a Ravel, uno dei maggiori protagonisti dell’impressionismo musicale.

 

(rr)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com