martedì , 12 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Buon Compleanno Aldo Busi (25/02/1948)


« Lo Scrittore e’ il parafulmine di tutte le contraddizioni del suo tempo, e’ costretto a notarle e riportarle,
ma se non smaschera le proprie, come fa a parlarne in un romanzo? Perciò dico che lo Scrittore,
a differenza dell’autore, deve perdere sempre, tranne che sulla pagina, basta guardare quante querele ho accumulato.
E, a proposito, la pagina non mente: non si può pensare che sulla carta un vigliacco si riscatti al punto tale
da rovesciare il racconto, perchè ponendosi così lontani dalla verità e dalla vita si parla della propria schiavitù »
da Nudo di Madre (Manuale del Perfetto Scrittore)

« Per me scrivere è come fare un triplo salto mortale sul trapezio senza rete.
Nell’ incertezza del mio valore di mercato, preferisco essere esoso.
L’ editore non e’ un padrone: lo considero parte del personale di servizio »
da Nudo di Madre (Manuale del Perfetto Scrittore)

« Che resta di tutto il dolore che abbiamo creduto di soffrire da
giovani? Niente, neppure una reminiscenza. Il peggio, una volta
sperimentato, si riduce col tempo a un risolino di stupore, stupore
di essercela tanto presa per così poco, e anch’io ho creduto fatale
quanto si è poi rivelato letale solo per la noia che mi viene a
pensarci. A pezzi o interi, non si continua a vivere ugualmente
scissi? E le angosce di un tempo ci appaiono come mondi talmente
lontani da noi, oggi, che ci sembra inverosimile aver potuto abitarli
in passato. »
Da Seminario Sulla Gioventù

« L’amore è una precipitosa discesa agli inferi del
supermercato delle diaboliche chimere. Lo si continua a
pubblicizzare di vicina in vicino perché le false offerte regalo, i
maliziosi buoni sconto e le beffarde cartoline non affrancare
del concorso “Spedisci e Vinci” non sono affatto compensate
dalla grande perdita di tempo per arrivare alla cassa. Il segreto
del successo di facciata in amore sta tutto nella coda. »
da Sodomie in Corpo 11

« Il più grossolano pregiudizio nei confronti dell’omosessualità è che
debba essere desiderante senza sosta perché così fan tutti.
Innanzitutto io non faccio all’amore perché mi piace, ma
perché non so che altro fare, esso appartiene più alla ragioneria
che al cuore, capito? Amare, amare! ma che sarà mai ‘sto
condizionamento! Come direbbe la signorina Scontrino (La
Delfina Bizantina) si può fare di meglio e di più: inspirare-espiare-
aspirare. A spirare c’è sempre tempo. E poi io non vado
a letto con nessuno, vado in piedi.»
da Sodomie in Corpo 11

« Questi ragazzi sminuiscono se stessi nel permettere di essere connotati in quanto “gusto sessuale”, perchè loro sono altro. Io sono altro!
Io ho dovuto lottare per dire che non ero uno scrittore omosessuale. Io sono uno scrittore, che io sia omosessuale o casto che importanza ha?! »
da intervista a Aldo Busi, www.alteredo.com

« Non è più recepito come primo ministro, è una specie di monarca “spaghetti e mandolino”. Uno non collega la frase fatta “Primo ministro” a Berlusconi. Berlusconi è Berlusconi. è il nostro massimo teatrante. E’ la figura che permette maggior filtri, anche di veleni italiani. Incarna tutta la furbizia degli italiani che equivale a tanta intelligenza venuta meno e tanto coraggio trasformato in viltà

Il Narciso a forza di guardare la propria immagine riflessa non vede che non corrisponde più a quella che invece viene vista dalla gente ».
Aldo Busi su Berlusconi. Intervista del 29/01/2011 su Tg3 Linea Notte

Intervista a Aldo Busi. www.bonsai.tv

Intervista a Aldo Busi. www.sipariotv.tv

Nota:
« Busi è un uomo colto ma uno scrittore istintivo: ciò
che legge e apprende gli va difilato nello stomaco. Busi è
uno scrittore di pancia. Mangia molta cultura e consuma
molta vita… La sua scrittura ha questo sapore acre… di
materia organica in procinto di putrefarsi ».
Angelo Guglielmi di “Paese Sera”
Cos’ha di diverso l’oggi rispetto al ieri? Divoriamo classici che rappresentano lontane realtà, uomini e pensieri di cui un po’ ci innamoriamo e di cui un po’ ridiamo, sempre convinti che l’”ora” sia migliore del “prima”. L’evoluzione del pensiero accompagnata a quella della specie. Dunque che roseo futuro potremmo immaginarci tra una generazione o due? Già, non più secoli, ma generazioni perchè andare avanti significa anche andare più veloci. In questa Italia, sottomessa alla più vile indifferenza e al gossip televisivo, un uomo decide di cingersi la testa d’alloro e, munito di mantello e collant, si proclama ed è acclamato come la successiva tappa evolutiva, vero ma oscurato rappresentante della letteratura moderna.
Demoralizzatore per eccellenza, Aldo Busi, vive per la vita, la sperimenta in ogni suo aspetto, anche il più marcio, e ce ne fa dono con maestria, con una scrittura talmente esosa e ridondante che rende pompose anche tristi notti di violenze sessuali e suicidi di donne troppo consapevoli per vivere.
Perchè alla fine è uno il valore che trascende tutti gli altri, la libertà. Libertà dai pregiudizi, dalle morali dei ben(?)pensanti(?), dalla fede, fino alla più semplice libertà di scrivere, dagli argomenti alla punteggiatura. Una libertà dalle sovrastrutture insomma, dai colori forti e volutamente provocatori che fa di tutto per emergere, persino approdare su un’isola che di “famosa” ha solo la pessima reputazione. Che in fondo poi, chi siamo noi per giudicare?

(ss)

Informazioni su asterischi

asterischi

Un commento

  1. Complimenti, devo dire la verità, da tanto tempo non pubblicavate un post bello così!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com