sabato , 29 aprile 2017
Le news di Asterischi

Brutti, sporchi e cattivi/1

Gli elenchi de La Metà Oscura. Ecco la prima puntata di un viaggio nel girone dei personaggi più schifosamente cattivi della letteratura. E siccome sono cattivi pure quando sembra che siano buoni, proprio da loro cominciamo. 

Il male è nel genere umano. Attaccato ad ogni buono, infatti, non c’è un giardino segreto, ma un cattivo parzialmente inesploso. E non chiamatelo lato oscuro dell’eroe. In realtà si tratta di un cono d’ombra proiettato dal demoniaco protagonista di turno al cui interno risplendono le azioni, comunque ugualmente meschine, del cosiddetto “buono”. Il cattivo passa e lustra di nero catrame (si tratta di sporcizia etica) le piccole magagne degli uomini che consideriamo lussureggianti di virtù. Quindi ecco a voi qualche personaggio poco raccomandabile, eppure passato alla storia della letteratura come buono o innocente.

Derby mostruoso: Niente di più classico. Lo scienziato Victor Frankenstein crea un mostro assassino che poi vuole distruggere. La “creatura”, pur non avendo nome, successivamente alla fama del romanzo sarà erroneamente appellata come il suo creatore ispirando, al contempo, un senso di commozione ed empatia. Il mostro uccide perché tutto il mondo gli è ostile. Povera bestiolina. (Frankenstein, Mary Shelley)

Barbari d’altri tempi: Conan è un ladro, un mercenario, un pirata, uno che fa a botte con tutti senza andare troppo per il sottile. Sarebbe un avanzo di galera, ma in realtà è sicuramente migliore, almeno secondo il suo creatore Robert Ervin Howard, della razza umana che è subdola e falsa. Le sue azioni, infatti, sono immediate e senza calcoli, soprattutto se ci sono donne di mezzo. E non chiamatelo opportunista. (Il ciclo di Conan il barbaro, Robert E. Howard)

Schivo e maledetto: Charles Dexter Ward è uno studioso timido e introverso, solo che adora evocare spiriti malvagi. La possessione che lo tormenta non giustifica la sua malvagità che, tuttavia, potrebbe almeno servire a svegliare dal loro sonno eterno creature abnormi e cosmiche che si papperebbero la razza umana. Eroe senza futuro. (Il caso di Charles Dexter Ward, H. P. Lovecraft)

Il male giustiziere: Siamo nel medioevo, la città è massacrata da una terribile epidemia. Il principe Prospero, nobile gentiluomo, decide di lasciar morire i contadini e di invitare i suoi pari nel castello. Ma la morte rossa si presenta pure lei e, mascherata di tutto punto, fa una strage lasciando al lettore il piacere di esclamare: “un po’ di giustizia a questo mondo”. (La maschera della morte rossa, Edgar A. Poe)

Il troppo stroppia: La terra ha due fazioni in lotta. I cosiddetti buoni, che rappresentano la vecchia umanità, aspettano il loro salvatore Thors Provoni, partito dieci anni prima nello spazio per chiedere aiuto. Al ritorno sarà posseduto da una strana entità potentissima e non proprio accomodante. Forse si stava meglio coi vecchi padroni? (I nostri amici da Frolix 8, Philip K. Dick)

(rrb)

Informazioni su Rosario Battiato

sopravvive soltanto a temperature basse e in ambienti chiusi. Ha studiato Storia, ma ha la tendenza a fare il giornalista e a costruire un pastiche al giorno. Fondatore di Asterischi.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com