martedì , 27 giugno 2017
Le news di Asterischi

A pranzo con Einaudi e Foà

Arnoldo Foà (fonte orvietonews.it)

Un libro non è solo la storia che contiene, i personaggi che vivono lì dentro, le esatte parole dell’autore.

Un libro è anche l’odore della carta, l’emozione di aprire la prima pagina, il piacere di sottolineare un passaggio che ci interessa, il gusto di tenere fra le proprie mani un’edizione pregiata e spaventosamente cara, anche solo il sognare di possederla, è il segnalibro che sta lì in mezzo, è la luce della abat-jour accesa durante una notte d’insonnia. È la chiacchierata col libraio, l’amicizia nata in libreria, il trovare un pacchetto di forma vagamente rettangolare sotto l’albero di Natale.

Giulio Einaudi (fonte einaudiroma.it)

È triste leggere la montagna di statistiche che attesta il disinteresse, o peggio, il disamore per la lettura dimostrato da oltre venti milioni d’italiani. Al di là di frasi sentite e risentite mille volte, che affermano la gravità di questo disamore nel Paese di Dante, sarebbe bene ricordare che l’Italia è stato non solo un paese di scrittori, ma anche di grandi promotori culturali, di grandi editori come Giulio Einaudi e Luciano Foà, uniti, per una curiosa coincidenza, dalla data di nascita oltre che dalle loro passioni.

Perchè un libro è anche il lavoro dell’editore, è la base di un intero settore economico, l’editoria. È il lavoro dell’editore, il lavoro del critico, è la nota a piè pagina, scritta dal redattore, è il lavoro del correttore di bozze. È anche carta e inchiostro, la copertina, dalla prima alla quarta, è il lavoro del tipografo e quello di chi impagina.
Forse sembrerà strano a qualcuno, ma un libro è all’interno di un circolo virtuoso che s’instaura tra lavoro e cultura. Perchè con la cultura, a volte, si mangia.

(lm)

Informazioni su Loris Magro

Loris Magro
Nasce il 3 Maggio 1990 ad Agrigento. Un po’ per un’insaziabile curiosità, un po’ per geni ereditari, legge fin da piccolo tutto quel che gli capita sotto agli occhi; una volta cresciuto, decide di dedicarsi a tempo pieno alla critica letteraria.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com