domenica , 24 settembre 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: Slow Man


Nome: «Ho capito bene il suo nome, Paul Rayment?»

Padre: J.M. Coetzee

Caratteristiche fisiche: La gamba amputata «Il colpo ha preso in pieno il ginocchio, e a questo si è aggiunta una componente di rotazione cosicché l’articolozione è stata sottoosta a rottura e a torsione  al tempo stesso […] e in considerazione della sua età, si è pensato fosse meglio recidere la gamba con un taglio netto al di sopra del ginocchio, lasciando un bel pezzo d’osso per la protesi.»

«Non è mai stato a suo agio con gli specchi […] copre lo specchio del bagno non solo per risparmiarsi la vista di se stesso brutto, che invecchia. No: il gemello imprigionato dietro il vetro gli sembra prima di tutto noioso.»

Caratteristiche psicologiche: «Un tempo, prima dell’incidente, non aveva quel che si dice un temperamento ombroso. Lo si saebbe potuto definire solitario, ma solo come sono solitari certi animali maschi.»

«Un uomo che vede il mondo a modo suo e che ama a modo suo. E anche un uomo che non molto tempo fa ha perso una parte del suo corpo: questo non lo dimentichi.»

Nazionalità: «Posso passare per australiano. Non posso passare per francese. Questo, per quanto mi riguarda, è tutto rispetto al tema dell’identità nazionale: dove si passa inosservati e dove no, dove, al contrario, si viene notati.»

Interessi: «La macchina fotografica, con la sua capacità di catturare la luce e trasformarla in sostanza, gli è sempre parsa un apparecchio metafisico più che meccanico. Il suo primo lavoro vero era stato quello di tecnico di camera oscura; il suo più gran piacere era lavorare nella camera oscura. […] E fu per questo che in seguito cominciò a perdere interesse per la fotografia: prima con l’avvento del colore, poi quando divenne chiaro che la vecchia magia delle emulsioni sensibili alla luce stava svanendo, che per le nuove generazioni l’incanto era in una techne di immagini senza sostanza, immagini che potevano baluginare nell’etere senza risiedere in alcun luogo, che potevano essere risucchiate da una macchina ed emergerne truccate, infedeli. Allora aveva rinunciato a registrare il mondo in fotografia, e aveva dedicato le sue energie a conservare il passato.»

Amici: Elizabeth Costello: «Elizabeth Costello, chiunque essa sia, impiega molto tempo a salire le scale. Quando arriva alla porta è affannata, una donna sulla sessantina, si direbbe, più vicina ai settanta che ai sessanta.»

Marijana: «È di origine croata, così gli dice durante il colloquio di lavoro. Ha lasciato la terra natale dodici anni prima. Ha fatto l’apprendistato in Germania, a Bielefeld; e da quando si è trasferita in Australia ha ottenuto anche il diploma dell’Australia meridionale.»

Drago: «Drago. Continua a intrigarlo per il fatto che Drago sembra ignaro della sua grande bellezza. Non è un narcisista, non è un riflessivo. Ma d’altra parte, se fosse più consapevole di sé perderebbe forse quell’aria di indomito candore, quello sguardo da guerriero.»

Famiglia: «Ha una sorella. È morta da dodici anni, ma vive ancora dentro di lui o con lui, proprio come sua madre che, quando non è dentro di lui o con lui, aspetta le trombe del giudizio nel suo posto nel cimitero di Ballarat. Ha anche un padre, che aspetta a sua volta più lontano, nel cimitero di Pau, da dove raramente lo viene a trovare. Sono loro la sua famiglia, loro tre?»

(lm)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com