mercoledì , 28 giugno 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: Un condannato a morte

 

 

Nome: Sconosciuto.

 

Padre: Victor Hugo

Rapporto con la condanna: «Condannato a morte!

Sono cinque settimane che abito con questo pensiero, sempre solo con lui, sempre agghiacciato dalla sua presenza, sempre curvo sotto il suo peso!»

Il Processo: «Era un bel mattimo di agosto. Da tre giorni era cominciato il mio processo; da tre giorni il mio nome e il mio delitto radunavano ogni mattina un nugulo di spettatori, pronti a buttarsi sui banchi dell’udienza come dei corvi attorno a un cadavere.»

L’idea di scrivere: «Poichè ho i mezzi per scrivere, perchè non farlo? Ma cosa scrivere? [...] Cosa posso avere ancora da dire io, che non ho più nulla da fare in questo mondo?»

L’eredità: «Ho fatto testamento. […] lascio una madre, lascio una moglie, lascio una figlia.»

Riflessioni sulla morte: «Dicono che non sia nulla, che non si soffra, dicono che sia una fine dolce, che la morte in questo modo sia molto semplificata. […] Si sono mai messi, seppur solo col pensiero, al posto di chi è là, nel momento in cui la pesante lama cade e morde la carne, recide i nervi, schianta le vertebre… Chi ha etto “mezzo secondo, nessun dolore”?… Orrore!»

Ultime volontà: «Ho chiesto che mi lasciassero scrivere le mie ultime volontà. Mi hanno slegato le mani, ma la corda è qui vicina, il resto è giù.»

(lm)

Informazioni su asterischi

asterischi

Un commento

  1. Melania

    Bravo Loris!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com