martedì , 27 giugno 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: Icaro

Nome: Icaro

Padre: Raymond Queneau

Padre adottivo: «Ecco dunque. Comincio col presentarmi: Hubert Lubert, romanziere di professione come di vocazione e, oso dirlo, di una certa fama.»

Età: «Lo vedevo giovane…(…) Diciamo…circa una ventina d’anni.»

Stato civile: «Non ci ho ancora pensato, ma gli destino una fidanzata purissima.»

Domicilio: «Volevo farlo abitare a Rue Bleue»…«Un numero dispari.»

Ragion d’essere: fuggire dal padre adottivo

Professione: meccanico

Caratteristiche fisiche

-          Statura: «1,76 cm esatti.»

-          Naso:«Diritto, non c’è dubbio.»

-          Capelli: «Castani, credo.»

Caratteristiche generali: « MORCOL (..) Come si presentava questo tipo?
                                               HUBERT  Difficile dirlo. Ne avevo un’idea alquanto confusa.
                                                                Dieci, quindici pagine, capisce, ero ancora alla descrizione dei  
                                                                Nel romanzo moderno, lei certo non l’ignora, non si comincia
                                                                con l’esibire il personaggio principale, ci si arriva a poco a poco.»

Il padre adottivo vorrebbe che amasse:

-          Il chiaro di luna

-          Le rose pompon

-          Le nostalgie esotiche

-          I languori primaverili

-          Le nevrosi di fine secolo

Ama:

-          L’assenzio

-          La meccanica

-          La sua amante LN

-          La bicicletta «Mi sento diventar poeta
                         quando cavalco la bicicletta
                         e canto e scrivo versi immortali
                         pigiando forte sopra i pedali
                         correr veloce oh che piacere
                         con il sellino sotto il sedere
                         si rischia di schiacciar la gente
                         è travolgente! È stravolgente!
Oh mi scusi, Signore.»

-          L’automobile

-          Cantare « ICARO (cantarellando)
                                      Ogni sportivo
                                       pel clivio ortivo
                                       corre furtivo.
                        interruppe il suo sforzo poetico, poiché non riusciva a trovare un’altra rima ricca
                        se non abortivo né vedeva come inserire tale parola nella canzonetta, sebbene
                        il professor Maîtretout gli avesse insegnato che poteva benissimo servirsi di rime
                        meno ricche come attivo, povere come lascivo o anche avvalersi di assonanze come
                        coevo o più stranamente sorprendere chiudendo il verso con parole quali alabarda
                        o misericordie. »

-          L’acquilone «Si fermò di botto, prese a esaminare i dintorni e vide allora dei monelli che giocavano
                         con un acquilone. Quest’oggetto non figurava ancora nel numero delle sue
                         esperienze; se ne interessò vivamente. Era un comunissimo acquilone dalla lunga
                         coda ornata di farfalline di carta, del che Icaro non seppe spiegarsi la causa.
                         Lui, l’acquilone, svolazzava alto nel cielo e il bambino che lo teneva a guinzaglio
                         correva, andava, veniva, mentre la losanga seguiva nell’aria gli spostamenti erratici
                         che gl’imprimevano la brezza e la fantasia di quella guida puerile. Icaro ammirava
                         la semplicità della macchina ingegnosa e l’eleganza del movimento aereo nella
                         ceruleità dell’atmosfera. Rimase lì finché il gioco ebbe fine.»

(as)

Informazioni su asterischi

asterischi

2 commenti

  1. Bellissima scheda, meravigliosa…mi ha fatto venir voglia di leggere il libro!

  2. Loris

    complimenti per la scheda!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com