venerdì , 21 luglio 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: il bell’Antonio

Nome: Antonio Magnano

Genitori: Alfio e Rosaria Magnano, Vitaliano Brancati

Caratteristiche: «Antonio Magnano, il figlio di Alfio, il nipote di Ermenegildo, il bellissimo giovane che faceva alzare lo sguardo dal messale alla più santa delle ragazze, Antonio dagli occhi sempre addormentati, e chi non lo conosceva? (levavano una mano al di sopra della testa per indicare ch’era alto o se la passavano dolcemente lungo le guance per dire che aveva un viso perfetto), Antonio sì, proprio lui, quello, esattamente quello e non altri…»

Caratteristiche particolari: «…ebbene Antonio con la moglie…. niente! Vi dico niente! Assolutamente niente! Barbara Puglisi, dopo tre anni di matrimonio, non sa ancora cosa sia grazia di Dio.»

«Ma ragioniamo, ragioniamo: una volta, a una donna, le puoi inventare che hai fatto un giuramento, che hai il dolore di pancia, che devi prendere la comunione. Ma la seconda volta, che le dici? Avanti, che le dici?»

Effetto sulle donne: «Le donne si sentivano dominate e, insieme, a loro agio completo e perfetto: accanto a lui, bruciavano dolcissimamente, e soffrivano, e impazzivano con una soavità sì profonda da far pensare che una grave anomalia si fosse impadronita di esse confondendo il piacere e il dolore in quella totale mancanza di discernimento, che è il solo stato in cui una persona osa dire a voce alta: io mi sento felice!»

Dicono di lui: «”Ma vi par giusto” e qui alzò di nuovo la voce “che la domenica, in chiesa, per le ragazze di buona famiglia l’altare maggiore sia dalla parte in cui siede Antonio?»

«Antonio ha la faccia che pare un angelo di zucchero, ma sotto sotto è un montone!… A Roma teneva tre e quattro amanti in una volta!»

 

(as)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com