venerdì , 22 settembre 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: Orfeo

 

 

 

Nome: « Orfeo del Ròdope.»

 

Padre: Ovidio

Effetti della sua poesia e della sua musica: «Mentre parlava accompagnando le sue parole al suono delle corde, le anime esangui piangevano.»

La morte di Euridice: «La sua giovane sposa […] venne morsa al tallone da un serpente e morì.»

La discesa negli inferi: «E dopo averla pianta a lungo, al vento di quassù, il poeta del Ròdope – per tentare anche le ombre – non esitò a scendere allo Stige per la porta del Tènaro: tra schiere inconsistenti e tra fantasmi di morti ormai sepolti giunse fino a Persefone, e al Signore dei morti che governa sullo squallido regno delle ombre.»

La vittoria, ma ad una condizione: «Orfeo del Ròdope la prese, e ricevette insieme a lei anche l’ordine di non voltarsi indietro fino a quando non fosse giunto fuori dalle valli dell’Averno, altrimenti il dono sarebbe stato vano. »

La “seconda morte” di Euridice: «Non erano lontani, ormai, dalla superficie, ma per paura di perderla, ansioso di vederla, l’innamorato Orfeo volse i suoi occhi: e lei all’istante venne risucchiata all’indietro, e tendendo le braccia cercava di afferrarlo, di essere presa, ma quell’infelice non strinse nulla, soltanto l’aria che fuggiva via.»

La fedeltà ad Euridice: «Orfeo aveva evitato ogni amore di donna: forse perché ne aeva avuto solo dispiacere, forse si era impegnato con un voto; erano in molte però a desiderare di unirsi al poeta; altrettante, respinte, ne soffrirono.»

La morte: «Le Menadi […] con le mani che stillano sangue si volgono contro di lui e si accalcano come uccelli che scorgono un rapace notturno vagare confuso nella luce del giorno.»

Di nuovo con Euridice, oltre la morte: «L’ombra del poeta scende sotto terra e riconosce i luoghi che aveva visto un tempo, tutti quanti, e cercandola nei campi delle anime pie, ritrova Euridice e la stringe in un abbraccio appassionato. Ora là loro due passeggiano insieme, standosi accanto: a volte lui la segue, a volte sta davanti e la precede, e ormai Orfeo si volta senza più timore verso la sua Euridice.»

Da Metamorfosi, traduzione di Andrea Rodighiero.

(lm)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com