mercoledì , 28 giugno 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: Marianna Ucrìa

 

Nome: Marianna

Cognome: Ucrìa

Madre: Dacia Maraini

Soprannome: « la povera mutola »

Parentela: discendente del ducato degli Ucrìa

Età: la lunga vita di Marianna Ucrìa (dai 13 anni)

Nazionalità: italiana

Domicilio: Villa Butera, Bagheria (Palermo)

Stato civile: sposata con lo zio Pietro, innamorata di Saro, fratello della sua serva

Figli: cinque : Manina, Felice, Giuseppa, Mariano e il Signoretto più piccolo

« Eppure hanno fatto cinque figli vivi e tre morti prima di nascere che fanno otto »

Caratteristiche fisiche:  «goffa, lentigginosa, chiusa dentro un corsetto amaranto che mette in risalto la carnagione cerea»

« strano come regga bene l’età… neanche un filo di grasso, nessuna deformazione, snella come quando aveva vent’anni, la carnagione chiara, fresca, i capelli ancora ricci e biondi, solo una ciocca bianca sulla tempia sinistra…».

Mani: «che non hanno mai percepito il peso di una pentola, di una brocca, di un catino, di uno straccio. […] Hanno accarezzato, quelle mani, qualche testa di neonato, ma non si sono mai intrise della loro lordura. […] Certamente si sono posate, inerti, sul grembo, non sapendo dove rintanarsi, che cosa fare; poiché ogni gesto, ogni azione, era considerata pericolosa e inopportuna per una ragazza di famiglia nobile »

Difetto: « La bocca è in movimento, ma il suono delle parole non la raggiunge, si perde prima di arrivare alle sue orecchie quasi che la distanza visibile che li separa fosse solo un inciampo dell’occhio. Sembrano vicini, ma sono lontani mille miglia. La bambina spia le labbra del padre che ora si muovono più in fretta. Sa cosa le sta dicendo, ma non lo sente.»

-          Causa: la violenza sessuale che lo zio esercitava su di lei quando era bambina

« otto volte si sono incontrati sotto le lenzuola senza baciarsi né carezzarsi. Un assalto, una forzatura, un premere di ginocchia fredde contro le gambe, una esplosione rapida e rabbiosa »

Pregio: «Alle volte i due sensi su cui conta di più sono talmente all’erta che si azzuffano fra di loro miserevolmente. Gli occhi hanno l’ambizione di possedere le forme complete nella loro integrità e l’odorato a sua volta si impunta pretendendo di fare passare il mondo intero attraverso quei due minuscoli fori di carne che si trovano in fondo al naso.»

Quoziente intellettivo: « li lasciati a pascolo. Conosce il costo di una forma di cacio sul mercato e quanto va al pastore e quanto agli Ucrìa. Le si sono chiariti i meccanismi degli affitti e delle mezzadrie. Ha compreso chi sono i campirei e a cosa servono: a fare da tramite fra proprietari distratti e contadini riottosi»

(mc)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com